iOS 153 e macOS 122 ora disponibili con Safari critico

Un ingegnere che ha trascorso l'ultimo decennio lavorando su progetti di browser Web presso Google e Microsoft ha ridicolizzato la caratterizzazione di Apple come il campione prescelto.

In un nuovo post sul blog (si apre in una nuova scheda), Alex Russell sostiene che in realtà è vero il contrario; afferma che Apple ha deliberatamente esercitato la sua influenza nei mercati dei sistemi operativi mobili e dell'hardware per "minare la diversità dei motori dei browser".

"Contrariamente alle affermazioni dei sostenitori di Apple, le restrizioni del motore iOS non impediscono una 'acquisizione' di Chromium, almeno questo non è l'effetto principale", ha scritto. "Apple sta usando il suo potere sui browser per smantellare e sabotare il web, danneggiando tutti i progetti dei motori e prosciugando il web del suo potenziale futuro".

Il caso contro Apple

Secondo Russell, Apple sta ostacolando la diversità nel mercato dei browser web in diversi modi, cosa che a sua volta svela.

La critica principale è che l'azienda continua a costringere gli sviluppatori a cambiare l'aspetto del suo motore WebKit inferiore se vogliono implementare un browser su iOS, una piattaforma utilizzata da oltre un miliardo di persone in tutto il mondo.

Sebbene Russell elogi la qualità degli sviluppatori che lavorano su WebKit, afferma che Apple ha notevolmente sottofinanziato il motore del browser, che è gestito da "personale minimo" e quindi non può competere con Blink (basato su Chromium).

Il risultato, afferma, è che gli sviluppatori di terze parti devono sostenere costi aggiuntivi significativi associati alla creazione delle loro app multimotore, mentre il mercato dei browser iOS manca di innovazione. Si dice che Mozilla, il produttore di Firefox, abbia ritardato il suo ingresso in iOS di "circa sette anni" a causa dei severi requisiti di Apple.

“Oggi Apple non compete al di fuori del suo territorio e quando ha un'agenzia impedisce ad altri di farlo. Queste non sono le azioni di un'azienda che cerca consapevolmente di promuovere la diversità dei motori. Se Apple è un alleato in questa causa, è solo per caso", ha detto Russell.

"Le teorie che postulano un'acquisizione di Chromium negano il potere di Apple su una situazione che ha creato e si impegna a rinnovare ogni anno attraverso il suo processo di budget".

Russell ha anche sottolineato la riluttanza con cui Apple ha introdotto la possibilità di cambiare il browser predefinito in iOS. È stato solo quando le autorità di regolamentazione antitrust hanno iniziato a prendere piede che Apple ha intrapreso questi passi nel 2020.

In alcuni casi, iOS sovrascriverebbe comunque la nuova impostazione predefinita quando i collegamenti venivano aperti all'interno di determinate app, il che secondo Russell ha creato un'esperienza di navigazione condivisa che ha avuto un impatto negativo su utenti, sviluppatori ed editori.

“La pantomima della scelta del browser su iOS ha creato una rete anemica e amnesia. La digitazione dei collegamenti è più noiosa della navigazione quando il completamento automatico non riesce, le password vengono perse e lo stato di accesso viene dimenticato. I browser stanno perdendo il loro valore poiché il Web non è più un mezzo affidabile per fare le cose. »

"Prendendo un'enorme quantità di denaro per costruire browser, restituendo il meno possibile allo sviluppo del motore e impedendo ad altri di riempire il vuoto, Apple ha messo a repentaglio l'ecosistema web distruggendo l'utilità di una popolazione diversificata di browser e motori.

TechRadar Pro ha chiesto ad Apple una risposta alle argomentazioni di Russel.

Condividi questo