Gmail potrebbe aver risolto uno dei suoi difetti più fastidiosi

Le e-mail delle campagne politiche saranno presto al sicuro dall'arrivare nelle cartelle spam di Gmail se una nuova iniziativa di Google ottiene il via libera.

Il gigante della tecnologia ha chiesto alla Federal Election Commission (FEC) di approvare un nuovo programma pilota che ridurrà il rischio che tali e-mail vengano contrassegnate come spam.

La mossa potrebbe inondare le caselle di posta di Gmail con e-mail di campagne politiche, soprattutto mentre gli Stati Uniti si preparano per le elezioni presidenziali del 2024.

Criterio di Gmail Spam

Il deposito, individuato da Axios (si apre in una nuova scheda), segue le lamentele del Partito Repubblicano secondo cui Google sta ingiustamente filtrando più email (si apre in una nuova scheda) rispetto ai suoi rivali democratici.

Uno studio recente (si apre in una nuova scheda) su 300 e-mail durante le elezioni del 000 ha rilevato che Gmail aveva il 2020% di probabilità in più di contrassegnare i messaggi dei repubblicani come spam rispetto ai messaggi dei democratici.

Il partito ha introdotto un disegno di legge all'inizio di giugno 2022 che, se approvato, richiederebbe a piattaforme come Gmail di spiegare esattamente come filtra i messaggi, oltre a rendere illegale la classificazione delle e-mail nelle campagne di spam a meno che l'utente non lo richieda espressamente. .

In risposta, Google sta cercando di rendere il processo più trasparente, con il suo progetto pilota che significa che "i comitati di candidati autorizzati, i comitati di partiti politici e i comitati esecutivi di azione politica registrati presso la FEC" sono esentati dall'essere etichettati come spam.

Queste email dovranno comunque seguire le linee guida sui contenuti e sulla sicurezza di Google e gli utenti dovranno acconsentire alla ricezione di tali messaggi. La società afferma che dopo aver ricevuto per la prima volta un'e-mail da una campagna, gli utenti vedrebbero una notifica "evidenziata" che chiede la loro approvazione e sarebbero in grado di annullare l'iscrizione a eventuali e-mail future.

"Recentemente abbiamo chiesto alla FEC di autorizzare un programma pilota che potrebbe aiutare a migliorare le tariffe e-mail per i mittenti di massa politici e fornire maggiore trasparenza nella consegna delle e-mail, consentendo agli utenti di proteggere le proprie caselle di posta annullando l'iscrizione o etichettando le e-mail come spam", ha affermato il portavoce di Google José Castañeda. . Axios.

"Vogliamo che Gmail offra un'ottima esperienza a tutti i nostri utenti, inclusa la riduzione al minimo dello spam, ma non filtriamo le email in base all'appartenenza politica", ha aggiunto.

"Non vediamo l'ora di esplorare nuovi modi per offrire la migliore esperienza Gmail possibile."

Condividi questo