Quando si tratta del vasto mondo aperto di Starfield, non devi temere l'isolamento in questo vasto universo. In effetti, la solitudine che puoi provare quando passi da un mondo desolato a un altro è esattamente il tono che cercava lo sviluppatore Bethesda.

Piuttosto che concentrarsi sull'orrore dei viaggi nello spazio per giocatore singolo, Bethesda vuole sottolineare la sua magnificenza in Starfield. In una recente intervista con Lex Fridman (si apre in una nuova scheda), il direttore del gioco Todd Howard ha spiegato come il team di Bethesda abbia abbracciato la "bella desolazione" dell'enorme mondo aperto di Starfield.

Da quanto ci ha mostrato il trailer di gioco ufficiale (si apre in una nuova scheda), ci saranno "oltre 100 sistemi" con "oltre 1000 pianeti" in Starfield. Ciò significa che Intergalactic Explorer dovrebbe essere più grande del 20% rispetto a Fallout 4 o Skyrim. Per quanto incredibile possa sembrare, esiste un gioco troppo grande? Considerando che Starfield è progettato per essere un gioco per giocatore singolo, Millions of Planets sembra un lavoro solitario per una persona.

dovrebbe essere definitivo

campo stellare

(Credito immagine: Microsoft)

La solitudine non è stato l'unico problema che gli sviluppatori hanno incontrato durante la creazione di Starfield. Un universo così vasto non è facile da espandere; quindi una decisione doveva essere presa. O "non puoi atterrare su ogni pianeta che vedi" o l'universo che stai esplorando è un "piccolo spazio mondiale strettamente controllato", ha spiegato Howard durante l'intervista.

È stato deciso che quest'ultimo avrebbe probabilmente impostato "il tono sbagliato", ha detto Howard nell'intervista. Piuttosto che concentrarsi sui limiti, il team di sviluppo ha scelto di cercare modi in cui "possiamo dire di sì". Il modo migliore per aggirare le complicazioni della creazione di un mondo aperto ampio, dettagliato e giocabile era concentrarsi sulla costruzione di esso tessera per tessera. Rendendo offline queste piccole tessere paesaggistiche, il team di sviluppo è stato in grado di creare un mosaico di ecosistemi complessi che potrebbero essere intrecciati nell'universo di Starfield.

Queste tessere hanno risolto il primo problema di creare un universo che assomigliasse alla realtà di Starfield, ma questo non vuol dire che da lì sia stato facile. Avere un vasto mondo aperto è una cosa; renderlo attraente per i giocatori è tutta un'altra questione.

Secondo Howard, Bethesda doveva garantire che l'atterraggio su ogni pianeta fosse un'esperienza divertente, anche se detto pianeta era vuoto con solo la prospettiva di poche risorse. In definitiva, la portata di un mondo aperto così vasto è che otterrai pianeti che "possono essere un'esperienza solitaria" per l'esploratore. Ma Howard ha continuato sottolineando che c'è anche "una strana bellezza nell'essere l'unica persona su un pianeta", ed è proprio su questo che devi concentrarti.

Già visto?

Un'astronave in Starfield attraccò su un pianeta roccioso

(Credito immagine: Bethesda)

Questa non è la prima volta che vediamo questa tonalità in un gioco Bethesda. Se quello che cerchi è la bella desolazione, allora ti viene in mente la serie Fallout. L'intera esperienza di camminare attraverso un deserto in rovina è incredibilmente strana ma anche bella. Ho adorato vagare per le città abbandonate di Fallout 4, non sapendo cosa avrei trovato e godendomi il silenzio mortale che circondava la città in decomposizione.

Quindi non vedo l'ora di esplorare il vasto universo che Starfield offrirà quando verrà lanciato all'inizio del 2023. Spero di provare di nuovo la stessa sensazione.

Condividi questo