Recensione Fujifilm Instax Mini 40

Recensione Fujifilm Instax Mini 40 Offerte Fujifilm Instax Mini 40     La Fujifilm Instax Mini 40 è essenzialmente un'evoluzione di una delle nostre fotocamere entry-level preferite., la Fujifilm Instax Mini 11 mantiene la funzionalità semplificata di quella fotocamera, ma sostituisce la forma giocattolo con un corpo di ispirazione vintage molto più a suo agio nelle mani degli adulti. La fotografia istantanea può essere sia coinvolgente che frustrante, soprattutto per coloro che sono nuovi al mezzo. Anche se le fotocamere non mancano, quelle progettate per i principianti spesso hanno in mente i bambini. Fortunatamente, la Instax Mini 40 è un'altra alternativa per gli adulti. Immagine 1 di 3 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 2 di 3 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 3 di 3 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) L'esposizione automatica e il ritorno dell'otturatore a velocità variabile eliminano gran parte delle supposizioni quando si utilizza la pellicola istantanea, mentre un barilotto dell'obiettivo regolabile aggiunge la versatilità aggiuntiva delle riprese ravvicinate, senza la necessità di accessori che si perdono facilmente. Come il Mini 11, il Mini 40 trasporta la pellicola compatta Instax Mini di Fuji. È uno dei formati più convenienti disponibili, circa $ 8/€ 8 per confezione da dieci scatti, con una scelta di stampe a colori e monocromatiche e un'ampia gamma di colori e motivi per bordi. Multipack di diverse dimensioni possono anche ridurre ulteriormente il prezzo. Ogni scatto da 54 x 86 mm ha un'area dell'immagine rettangolare di 46 x 62 mm (2,4 x 1,8 pollici). La riprogettazione potrebbe ampliare il fascino della Mini 40, ma con un prezzo più alto rispetto al più conveniente Mini 11 per coloro che cercano di entrare nella fotografia istantanea, dovranno decidere se vale la pena pagare di più per questi stili.

Design e caratteristiche

Potrebbe essere meccanicamente identico al Mini 11, ma le finiture in ecopelle e gli accenti argentati di il Mini 40 lo fa sembrare più maturo. Il design è chiaramente influenzato dalla più costosa Fujifilm Instax Mini 90, ma mentre questo modello è notevolmente più economico e realizzato quasi interamente in plastica, riesce a evitare di sentirsi economico. È un po' più piccolo del Mini 11, ma non è ancora abbastanza piccolo da stare in una tasca; dovrà cercare fotocamere istantanee ibride come Canon ZoeMini o Fuji Mini LiPlay se la portabilità è fondamentale. tenuto in verticale, il Mini 40 è abbastanza leggero da poter essere utilizzato comodamente con una mano, il poggiapolsi in gomma offre molto comfort. Ci sono solo due pulsanti, entrambi sul pannello frontale: uno estende il barilotto dell'obiettivo, l'altro rilascia l'otturatore. Il flash incorporato è automatico e non può essere disattivato, nemmeno alla luce diretta del sole, quindi tutto ciò che devi fare è inquadrare e scattare. Non troverai nemmeno un filo per treppiede sul fondo del corpo. Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: Future) Il mirino si trova a destra dello sportello posteriore pieghevole, dove inserisci i pacchi di pellicole. Come nel caso della Mini 11, è leggermente decentrato rispetto all'obiettivo, quindi ciò che vedi attraverso non è completamente rappresentativo della stampa finale. Una piccola finestra sullo sportello posteriore mostra quante clip rimangono nella confezione attualmente caricata, che dovrebbe evitare clip sprecate aprendo presto lo sportello del film.

Performance

Il barilotto dell'obiettivo a molla si apre dopo aver premuto il pulsante di rilascio. Se lo butti via fisicamente, passerà alla modalità selfie, progettato per sparare tra 0,3 e 0,5 m; usatelo per qualcosa di più vicino e i risultati saranno molto sfocati, quindi non pensate di poterlo trattare come un obiettivo macro. Ciò significa che non devi portare con te accessori, come avveniva con le vecchie fotocamere Instax. Il piccolo specchio sul barilotto dell'obiettivo aiuta ad allineare le foto, anche se la forma convessa distorce leggermente il riflesso. Come con la maggior parte delle fotocamere istantanee, il mirino è separato dall'ottica del sistema effettivo. Qui è decentrato e offre una rappresentazione generosa di ciò che si adatterà all'inquadratura. Spesso puoi avvicinarti all'argomento un po' più di quanto ti aspetti, il che può essere un po' una curva di apprendimento. Immagine 1 di 4 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 2 di 4 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 3 di 4 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 4 di 4 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Ogni stampa viene espulsa meccanicamente attraverso una fessura nella parte superiore della camera e impiegheranno più di cinque minuti per svilupparsi completamente. In questo senso la Instax ha un vantaggio rispetto alla pellicola I-Type della Polaroid, anche se c'è da aspettarselo date le dimensioni più piccole. Il flash si attiva ogni volta che si preme il pulsante di scatto, indipendentemente dalle condizioni di illuminazione, perché il sistema di esposizione automatica è calibrato per prevederlo. È possibile variare la velocità dell'otturatore tra 1/2 e 1/250, quindi dovrebbe essere in grado di gestire sia scene luminose che scure, soprattutto quando si scatta in interni. Funziona con due batterie AA, che in genere durano circa 100 scatti o 10 pacchi di pellicola. È molto più probabile che tu esaurisca il film che il potere, ma almeno AA circola più delle goffe batterie CR2 utilizzate da Fuji per le sue fotocamere istantanee.

Qualità dell'immagine

Se hai già utilizzato una fotocamera Instax, il mix di ombre scure e luci chiare della Mini 40 sembrerà molto familiare. Non sono così onirici come i sistemi rivali Lomography, catturano i dettagli più fini e senza alcuna perdita di luce. Non aspettarti però l'estrema precisione che otterrai con il digitale: i bordi sono parti morbide e le parti più scure di una scena spesso si fondono insieme. Per ottenere i migliori risultati, fotografare sempre lontano dal sole, poiché la pellicola sensibile ha difficoltà a esporre sia i cieli ben illuminati che i soggetti in ombra. Immagine 1 di 5 Fujifilm Instax Mini 40 Le impostazioni ben illuminate mantengono molti dettagli, anche a lunghe distanze (Credito immagine: Future) Immagine 2 di 5 Fujifilm Instax Mini 40 Vale la pena essere selettivi con la composizione in pieno sole, per evitare riflessi di luce e abbagliamenti (Credito immagine: Future) Immagine 3 di 5 Fujifilm Instax Mini 40 L'esposizione automatica non è infallibile, il che può rendere alcune foto più scure di quanto ci si aspetterebbe a causa delle condizioni di illuminazione (Credito immagine: Future) Immagine 4 di 5 Fujifilm Instax Mini 40 La modalità selfie di solito enfatizza gli scatti con le braccia estese, ma a volte non riesce a raggiungere l'obiettivo (Credito immagine: Future) Immagine 5 di 5 Fujifilm Instax Mini 40 Il mirino offre una rappresentazione accurata di ciò che l'obiettivo catturerà (Credito immagine: Future) La combinazione di pellicola fisica e obiettivo a fuoco fisso funziona meglio per i ritratti, perché più sei lontano da un soggetto, meno dettagli vengono rivelati. nella foto. Questa morbidezza spesso gioca a loro favore, conferendo ai paesaggi un'atmosfera più ariosa. Se scatti alla luce del sole, dovresti anche fare attenzione alla luce fantasma, poiché il mirino decentrato può farti pensare di avere uno scatto ben composto, per poi perdere metà della scena a causa della sovraesposizione. Fuji non è la sola in questo senso, e la colpa è anche di altre fotocamere istantanee. Immagine 1 di 2 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Immagine 2 di 2 Fujifilm Instax Mini 40 (Credito immagine: futuro) Il flash forzato fa naturalmente la differenza più grande all'interno, poiché espone sia il soggetto che lo sfondo in un modo che, sebbene innaturale, non lascia grandi aree della foto sullo sfondo. Nella nostra esperienza, non dover pensare se azionare o meno il flash e lasciare che il sistema di esposizione automatica facesse il suo lavoro significava che una percentuale maggiore di scatti si stava sviluppando come abbiamo fatto noi. Sulle vecchie fotocamere Fuji, un tasso di usura del 20% (o più) non era inaudito. Non c'è modo di dire se il barilotto dell'obiettivo si estende dal retro della fotocamera e scattare paesaggi in modalità selfie è un modo rapido per ottenere foto davvero sfocate. Tuttavia, può essere utilizzato per sperimentare la profondità di campo, soprattutto quando si scatta in interni, e migliora davvero la nitidezza e la nitidezza dei selfie rispetto alla modalità predefinita.

Verdetto Fujifilm Instax Mini 40

Instax Mini 40 è tutto ciò che amiamo di Instax Mini 11, avvolto in modo unico in un design più audace e maturo.. Se l'aspetto simile a un giocattolo del Mini 11 è stato sufficiente per scoraggiarti, dovrebbe aprire le porte alla fotografia istantanea. Pulsanti minimi e nessuna modalità di scatto complessa la rendono una fotocamera entry-level perfetta per chiunque sia nuovo al cinema istantaneo, il sistema di esposizione automatica elimina davvero molte congetture dai media. Le foto scattate non sono perfette, con riflessi altrettanto facili qui come sul Mini 11, ma non più di quelli dei rivali con prezzi simili. Anche il mirino decentrato richiede un po' di tempo per abituarsi, ma questa è davvero l'unica vera peculiarità di questa fotocamera. Tuttavia, ha un prezzo superiore al Mini 11, e dal momento che sono quasi identici internamente, continuiamo a pensare che la fotocamera abbia il miglior rapporto qualità-prezzo in assoluto. Ma se non ti dispiace pagare di più per un po' più di stile, il Mini 40 rimane un'ottima opzione per i nuovi arrivati.

Non convinto? Prova questi...

Immagine 1 di 3 Polaroid adesso (Credito immagine: Polaroid)

Polaroid adesso

Il concorrente più vicino al Mini 40 è quasi altrettanto facile da usare, grazie a un sistema di messa a fuoco automatica che ti aiuta a evitare di sprecare pellicola con scatti sfocati.. È chiaramente di ispirazione retrò, ma abbraccia anche un design moderno, che alcuni potrebbero preferire rispetto a Instax. La maggior parte delle fotocamere Polaroid funziona con una pellicola di tipo I più grande, che può essere più costosa per scatto rispetto al sistema Fuji, ma la nuova Polaroid Go ha introdotto un formato più piccolo.

Immagine 2 di 3 Fujifilm Instax Mini 11 in bianco ghiaccio (Credito immagine: Fujifilm)

Fujifilm Instax Mini 11

L'altra fotocamera istantanea entry-level di Fuji ha un set di funzionalità simile, ma sostituisce la build retrò-chic per un look più semplice e moderno. È molto più economico, essendo in circolazione da molto più tempo, ma la facilità d'uso e la qualità dell'immagine sono esattamente alla pari con la Mini 40. Se non vuoi pagare un extra per lo stile, è sempre un buon momento per l'istante fotocamere per principianti.

Immagine 3 di 3 Canonico Zoemini S (Credito immagine: Canon)

Canonico Zoemini S

La compatta Zoemini assomiglia più a una fotocamera digitale che a una fotocamera istantanea e ha molte caratteristiche moderne come una batteria ricaricabile e connettività Bluetooth.