Le macchine Linux sono state afflitte dalla gestione dell'hardware incentrata su Windows dal 2002, ma potrebbe cambiare.

Interfacce sofisticate tra il sistema operativo di una macchina e il suo hardware, come i chip che rallentano la tua macchina Linux, sono state a lungo necessarie per garantire che i processori con miliardi di transistor rimangano efficienti.

Sebbene l'ultimo standard ACPI abbia sostituito lo standard APM in uscita nel 1996, ma ancora più di un quarto di secolo fa, presentava ancora un grave difetto.

prestazioni più lente

Gli ingegneri informatici eseguono la maggior parte dei loro test sul sistema operativo standard del settore, che è stato a lungo Windows, rendendo le distribuzioni Linux e macOS praticamente impensabili quando si utilizzano chip di terze parti come i processori AMD.

Con l'introduzione del proprio silicio, Apple ha trovato un modo per migliorare le prestazioni complessive con i processori che utilizza nei suoi computer. I chip della serie M dell'azienda sono ora alla loro seconda generazione, anche se è una soluzione costosa che è semplicemente fuori dalla portata della Linux Foundation.

Scarse prestazioni di Linux

Il rapporto prosegue ricordando i pensieri del creatore di Linux Linus Torvalds riguardo allo standard ACPI aggiornato, quando disse nel 2003:

"ACPI è un completo disastro del design sotto ogni punto di vista. Ma siamo un po' bloccati con quello. Se le persone di Intel stanno ascoltando questo e tu hai qualcosa a che fare con ACPI, sparati ora, prima di giocarci.

Il problema è sorto quando le macchine problematiche hanno impiegato un po' di tempo per rispondere ai segnali STPCLK#, che determinano se un core deve essere inattivo. Ciò ha portato a una riduzione dell'efficienza energetica, che ha portato all'introduzione di alcune istruzioni I/O fittizie come soluzione alternativa.

Anche se questo non è più un problema, l'ingegnere AMD K Prateek Nayak ha scoperto che le macchine Linux seguono ancora le istruzioni fittizie nei processori della sua azienda. Nel frattempo, The Register riporta una "patch iniziale" di Dave Hansen di Intel, che limita la correzione alla presenza solo sui chip Intel, che non saranno interessati dal diverso metodo utilizzato per rallentare un cuore. Di conseguenza, la portata minima sarebbe aumentata di circa 14 volte e anche la portata media sarebbe aumentata di poco più della metà.

In definitiva, anche quando entriamo nel 2020, gran parte dell'hardware di terze parti che vediamo sul mercato continua a essere sviluppato principalmente pensando a Windows e le modifiche ingegneristiche di Eagle-Eyed probabilmente continueranno a migliorare per i meno popolari. sistemi operativi nel tempo.

Tramite il registro (si apre in una nuova scheda)

Condividi questo