Qualcomm ha impugnato con successo una multa di 1.000 miliardo di euro dell'UE per le accuse di aver pagato ad Apple miliardi di dollari per impedire ai rivali di rifornire l'azienda.

L'UE ha imposto la sanzione nel gennaio 2018, affermando che Qualcomm ha pagato incentivi per un periodo di cinque anni tra il 2011 e il 2016 in modo che solo i suoi chipset 4G LTE sarebbero stati utilizzati su iPhone e iPad.

I ricercatori hanno affermato che questi pagamenti di incentivi ammontavano a "pagamenti di esclusività che hanno impedito a società come Intel di competere per l'attività di Apple, danneggiando il mercato".

Battaglie Qualcomm

Tuttavia, il Tribunale dell'Unione europea ha annullato questa decisione, adducendo problemi con l'indagine dell'UE.

"La Corte basa le sue conclusioni, in primo luogo, sull'accertamento di una serie di irregolarità procedurali che hanno leso i diritti di difesa di Qualcomm e, in secondo luogo, su un'analisi degli effetti anticoncorrenziali dei pagamenti di incentivi", ha sentenziato la Corte, aggiungendo che gli investigatori avevano fallito. sostenere che i pagamenti avevano effettivamente ridotto gli incentivi di Apple a cambiare fornitore.

Se lo desiderano, le autorità garanti della concorrenza dell'UE possono appellarsi "per questioni di diritto" alla Corte di giustizia dell'UE (CGUE), la più alta corte europea.

Ironia della sorte, Apple e Qualcomm si sono citate in giudizio negli ultimi anni. Qualcomm ha spesso affermato che Apple ha violato i suoi brevetti, mentre Apple ha affermato che il produttore di chip Snapdragon stava abusando della sua posizione dominante sul mercato e addebitando commissioni esorbitanti.

Alla fine, le due società hanno risolto le loro divergenze e Apple ha accettato di pagare le royalty e di stipulare un nuovo accordo di fornitura.

Condividi questo