Prima del COVID-19, gli uffici open space erano in piena espansione. La nuova sede di Facebook a Menlo Park vanta, ad esempio, "il più grande open space del mondo".

L'ossessione per l'ufficio open space, che probabilmente ha raggiunto il picco una decina di anni fa, si basava su ciò che ho chiamato "pregiudizio di collaborazione": il presupposto sottovalutato che gli incontri sociali ad hoc sono più preziosi per il business, la creatività e la produttività che lavoro" senza interruzioni.

Ma una serie di recenti sondaggi ha gettato nuova luce sul disastroso disastro degli spazi aperti e sull'importanza degli uffici privati, ovunque essi si trovino.

Un rapporto di ricerca intitolato "Remote and Hybrid Work" della Myers-Briggs Company ha rilevato che i dipendenti che siedono in uffici aperti sono i meno felici, quelli con uffici privati ​​sono i più felici. (Il rapporto ha anche rilevato che gli editti e le politiche di ritorno all'ufficio influiscono negativamente sui dipendenti e che una mancata corrispondenza tra la politica e il luogo di lavoro desiderato porta a un maggiore turnover dei dipendenti.)

Nel frattempo, un recente sondaggio di Robert Half ha rilevato che più di un terzo degli intervistati (35%) ha affermato di fare di più a casa (dove possono lavorare senza essere interrotti dai colleghi). Ma quasi la metà (43%) degli impiegati afferma di avere prestazioni migliori in un ufficio privato.

Il disprezzo per gli uffici open space è più grande ora di quanto non fosse prima della pandemia, secondo un sondaggio di Framery, che produce cabine per ufficio insonorizzate. Circa il 41% afferma che la propria capacità di concentrarsi in un ufficio open space è notevolmente peggiorata dopo la pandemia.

Sembra che i dipendenti che lavorano da casa (WFH) e gli impiegati con uffici privati ​​abbiano tre cose in comune:

  • Hanno uffici privati.
  • Sono più felici.
  • Fanno di più.
  • Tutti questi nuovi dati mi fanno chiedere: fino a che punto il desiderio del dipendente di lavorare da casa è in definitiva il desiderio di avere un ufficio privato o almeno uno spazio in cui è possibile controllare le interruzioni dei colleghi?

    Dopotutto, lavorare da casa non è per tutti.

    Se oggettivamente ciò consente di risparmiare tempo, aumentare la flessibilità, creare autonomia, risparmiare denaro e fornire altri benefici misurabili, riduce anche il contatto sociale con i lavoratori, limita gli strumenti di lavoro disponibili e riduce la disponibilità di supporto tecnico.

    Puoi misurare i misurabili, ma la realtà sono le regole psicologiche sul fascino (o sulla mancanza) del lavoro a distanza.

    Ad alcune persone piace. Alcuni lo odiano. Molti sono da qualche parte nel mezzo.

    Nel bel mezzo delle grandi dimissioni, mentre le aziende lottano per assumere e colmare il divario di competenze IT e lavorano duramente per trattenere i dipendenti, mi sembra che abbattere gli uffici a pianta aperta e costruire più spazi per uffici privati ​​sia una tattica che le aziende trascurano . potresti usare per attirare e trattenere i tuoi migliori dipendenti.

    Naturalmente, diverse aziende hanno diversi vincoli (di bilancio e non), così come diverse missioni, approcci di lavoro e di gestione e altri fattori.

    Quindi non esiste una risposta di taglia unica qui.

    Ma sembra che la migliore politica per la soddisfazione e la produttività dei dipendenti sia abbastanza semplice: chiunque può lavorare da remoto può scegliere dove e quando lavorare: in ufficio a tempo pieno, part-time o mai.

    Ma chi sceglie di lavorare in ufficio può aspettarsi di avere un proprio ufficio privato.

    Questo approccio non solo renderà i dipendenti più felici e produttivi, ma probabilmente aumenterà anche il numero di dipendenti che scelgono di lavorare in ufficio.

    Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

    Condividi questo