Un altro dei migliori provider VPN al mondo ha annunciato la sua decisione di portare offline i suoi server indiani.

Dopo che ExpressVPN ha lasciato l'India la scorsa settimana, Surfshark ha ora seguito l'esempio, affermando che i nuovi regolamenti CERT-In del paese "vanno contro l'etica fondamentale dell'azienda".

La nuova legge indiana sulla conservazione dei dati, che entrerà in vigore il 27 giugno, richiederà alle società VPN di conservare i dati degli utenti, come indirizzi IP, nomi reali e modelli di utilizzo, per un massimo di cinque anni. Saranno inoltre tenuti a consegnare queste informazioni alle autorità su richiesta.

Surfshark Head of Legal Gytis Malinauskas ha affermato che la società, che opera secondo una rigorosa politica di no-log, non è disposta a compromettere i suoi valori o le sue basi tecniche.

Raccogliere e archiviare i dati dei clienti? NO! Apprezziamo la privacy delle persone, ecco perché ci opponiamo alla nuova legge indiana sulla regolamentazione dei dati ⚖️ Chiuderemo i nostri server fisici indiani. Tuttavia, sarai in grado di connetterti a server virtuali attraverso Singapore e Londra; controlla la nostra lista di server 🌏 7 giugno 2022

Scopri di più

Cosa cambia per gli utenti di Surfshark in India?

Dopo l'entrata in vigore delle nuove normative, Surfshark introdurrà server indiani virtuali per sostituire i suoi server fisici nel paese, affermando che saranno 'funzionalmente identici a quelli fisici'.

Fino ad allora, gli abbonati Surfshark potranno comunque connettersi ai server fisici situati nel paese come al solito.

Una volta che i server virtuali saranno disponibili, gli utenti del provider li troveranno sfogliando il loro elenco di server regolari. Avranno la possibilità di scegliere di reindirizzare la loro connessione attraverso Singapore o Londra, ottenendo un indirizzo IP indiano. L'unica differenza è che il server fisico si troverà al di fuori del paese in modo che i dati dell'utente siano al sicuro dal controllo delle autorità indiane.

"Nel frattempo, Surfshark continuerà a monitorare da vicino i tentativi del governo di limitare la libertà di Internet e incoraggiare discussioni volte a persuadere il governo ad ascoltare le argomentazioni dell'industria tecnologica", ha scritto il provider in una dichiarazione ufficiale (si apre in una nuova scheda). ).

(Credito immagine: Shutterstock)

Qual è la nuova legge indiana sulla conservazione dei dati?

La nuova legge indiana sulla conservazione dei dati non riguarda solo le VPN, ma anche i servizi di cloud storage, i server privati ​​virtuali (VPS), i data center e gli scambi di criptovaluta. Un tentativo di combattere la criminalità informatica ha causato una diffusa preoccupazione tra l'industria tecnologica e i gruppi di privacy.

I commentatori temono che un paese con una libertà di stampa regressiva (l'India è appena scesa al 150° su 180 paesi (si apre in una nuova scheda) nell'indice sulla libertà di stampa di Reporter senza frontiere del 2022) possa facilmente abusare di queste linee guida per rafforzare il proprio controllo sulla situazione generale pubblico.

Allo stesso tempo, gli esperti ritengono che questo clima potrebbe anche avere un impatto negativo sul settore IT in crescita dell'India. Come ha detto a TechRadar Sudip Saha, direttore operativo di Future Market Insights, "I divieti della VPN danneggeranno principalmente gli interessi delle aziende scoraggiando gli investimenti e gli affari in India".

1644785069 141 Come guardare il Super Bowl 2022 online gratis dal vivo

Confronta i migliori servizi VPN indiani in questo momento:

Condividi questo