Pulisci la tua configurazione WFH con queste ricariche di sicurezza

Una nuova ricerca di VMWare suggerisce che molti datori di lavoro non sono interessati al lavoro ibrido, nonostante numerosi studi suggeriscano che lavorare da casa potrebbe avere un effetto positivo sulla produttività.

Il report dell'azienda (si apre in una nuova scheda), "The Dilemma of Distributed Work: When Innovation and Job Satisfaction Compete", ha intervistato 5300 responsabili delle decisioni HR e IT e intervistati a livello di dipendenti provenienti da paesi in Europa, Medio Oriente e Africa ( EMEA).

Quasi due terzi (62%) degli intervistati ritiene che la propria azienda sia "più innovativa" quando i dipendenti lavorano in ufficio, rispetto a casa, mentre quattro su cinque (81%) degli intervistati hanno elogiato una maggiore soddisfazione del lavoro quando possono lavorare. adottare una routine di lavoro ibrida.

WFH contro ufficio

La maggior parte dei lavoratori ibridi segnala anche un aumento del morale (56%), della creatività (52%) e della collaborazione (53%) rispetto ai livelli pre-pandemia.

VMWare ritiene che la crescente incertezza economica potrebbe portare i datori di lavoro a chiedere un ritorno in ufficio su larga scala nella speranza di vedere un aumento della produttività, nonostante la bassa produttività senza alcun legame comprovato con pratiche di lavoro ibride o prese le distanze.

Alcuni datori di lavoro ancora non si fidano che i propri dipendenti lavorino da qualsiasi luogo, con il 97% delle aziende partecipanti che ammette di "osservare l'innovazione" e l'82% delle aziende che applica una politica solo da scrivania.

Shankar Iyer, Senior Vice President e General Manager of End-User Computing presso VMWare, spiega: “La ricerca ha dimostrato che il lavoro ibrido crea team più felici, più coinvolti e più collaborativi, il che può naturalmente portare a una maggiore produttività.

Iyer continua: “La nostra ricerca suggerisce che più aziende devono implementare misure formali per misurare l'impatto per garantire che la percezione non [prevalga] sulla realtà. Quelli con politiche di lavoro ibride lo prendono chiaramente molto sul serio.

Andando avanti, lo studio ha rilevato che il 72% delle organizzazioni nell'area EMEA prevede di investire "in modo significativo" nella propria cultura digitale e che un certo numero di aziende utilizza o prende in considerazione un certo grado di automazione per ridurre la pressione sui dipendenti, aumentando così la produttività sul lavoro. livelli. .

Condividi questo