Microsoft prohibe la criptomineria en Azure

Microsoft ha ufficialmente vietato il mining di criptovalute sui suoi servizi cloud di Azure in modo piuttosto silenzioso.

Un aggiornamento (si apre in una nuova scheda) alle sue condizioni di licenza per i servizi online universali, che si applicano principalmente alla sua piattaforma cloud, afferma che "l'estrazione di criptovaluta è vietata senza previa approvazione da parte di Microsoft".

Il post prosegue spiegando che è necessaria l'approvazione scritta per coloro che cercano di utilizzare i servizi dell'azienda per il mining di criptovalute, affermando che "né il Cliente né coloro che accedono a servizi online tramite il Cliente" sono autorizzati a utilizzarli per questo scopo. .

rischi minerari

La modifica della policy è stata anche pubblicata (si apre in una nuova scheda) nell'area delle soluzioni Azure della pagina web della Microsoft Partner Community, sotto l'intestazione "Azioni importanti che i partner devono intraprendere per proteggere l'ecosistema Azure. partners".

Qui è stato incluso tra le modifiche per "minimizzare il potenziale danno di frode agli abbonamenti dei tuoi clienti". Ancora una volta, ha sottolineato la necessità di una "previa approvazione scritta... concessa da Microsoft" per sanzionare l'uso dei suoi server per la fornitura di token digitali.

Microsoft è preoccupata per i pericoli che queste attività comportano per la sua infrastruttura. In risposta a una domanda di registrazione (si apre in una nuova scheda), il gigante della tecnologia ha affermato che il mining di criptovaluta può "interrompere o addirittura danneggiare i servizi online e i loro utenti", aggiungendo che il mining di criptovaluta "spesso può essere collegato a frodi informatiche e attacchi abusivi come come attacchi non autorizzati”. accesso e utilizzo delle risorse del cliente. »

Tuttavia, hanno aggiunto l'avvertenza che il mining di criptovalute "può essere preso in considerazione per testare e trovare rilevamenti di sicurezza".

Microsoft non è l'unica a limitare il mining di criptovalute sulle sue piattaforme cloud. Google Cloud, Oracle e OHVcloud lo hanno vietato nei loro servizi e Amazon Web Services lo consente solo nei loro livelli di abbonamento a pagamento.

Microsoft ha vietato il mining per un po' sul suo livello gratuito, ma ha anche esteso la sua politica alle sue opzioni a pagamento.

Condividi questo