Microsoft Edge mette tutto il suo peso dietro le applicazioni

L'utilizzo di Microsoft Edge potrebbe presto essere molto più fluido e produttivo, grazie a un nuovo aggiornamento in lavorazione.

La società ha rivelato che stava lavorando a un aggiornamento che avrebbe consentito agli utenti di Edge di accedere ai loro strumenti preferiti o più utilizzati insieme al browser.

La modifica dovrebbe rendere l'utilizzo di Edge molto più semplice, soprattutto se stai cercando di destreggiarti tra più programmi o strumenti contemporaneamente, come pianificare un evento o una presentazione per lavoro.

Nella voce ufficiale della roadmap di Microsoft 365 (si apre in una nuova scheda), viene descritto che la nuova aggiunta consente agli utenti di "accedere alle funzionalità di Edge in parallelo con la finestra del browser".

Inizialmente, artisti del calibro di Discover, Bing search, Outlook, Office, Games e altre cose come un convertitore di unità e un test della velocità di Internet saranno tra quelli elencati che gli utenti possono provare.

L'aggiornamento è ancora elencato come "in sviluppo", ma Microsoft ha elencato una data di rilascio prevista per agosto 2022, quindi potremmo non dover aspettare molto. Una volta rilasciato, sarà disponibile per tutti gli utenti di Microsoft Edge in tutto il mondo.

Il lancio arriva quando Microsoft cerca di rendere Edge un utile strumento di produttività e un compagno di lavoro per gli utenti di tutto il mondo.

Ciò arriva poco dopo l'annuncio di una funzionalità simile che consentirà agli utenti di sospendere l'esecuzione di tutte le estensioni su siti Web specifici con un solo clic, offrendo loro un maggiore controllo su quali estensioni vengono eseguite su siti Web specifici a rischio o riservati.

Dati recenti di Statcounter hanno mostrato che Microsoft Edge ha perso o non è riuscito a guadagnare quote di mercato in quattro degli ultimi sei mesi.

Ciò pone Edge con una quota di mercato del 4,05% (su piattaforme mobili e desktop), che equivale a circa 200 milioni di utenti, molto indietro rispetto a Google Chrome (64,34%) e Safari di Apple (19,16%), ma davanti a Firefox (3,41%). %).

Condividi questo