El juez desestima las afirmaciones de que Facebook y Google

Meta è stata colpita con una multa per la protezione dei dati di 265 milioni di euro dalla Commissione irlandese per la protezione dei dati per aver affermato che la società ha violato la privacy dei suoi utenti.

Il garante della privacy ha affermato che la società madre di Facebook e Instagram non è riuscita a proteggere i dati di oltre 500 milioni di utenti, il che potrebbe lasciare un gran numero di persone a un rischio molto maggiore di frode come il furto di identità in seguito.

La notizia arriva dopo che un ricercatore di sicurezza ha rivelato che i dati di oltre 533 milioni di utenti di Facebook provenienti da 106 paesi erano trapelati, di cui circa 32 milioni dagli Stati Uniti e 11 milioni dal Regno Unito, che includevano numeri di telefono, date di nascita, e-mail. e luoghi.

Il regolatore, che ha autorità su Meta perché la società ha la sua sede europea nel Paese, ha affermato in una dichiarazione (opens in a new tab) che Meta ha violato l'obbligo del GDPR di "proteggere i dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita".

Oltre all'ingente sanzione, la decisione del regolatore richiederà a Meta di "rendere conforme il proprio trattamento intraprendendo una serie di azioni correttive specifiche entro un determinato periodo di tempo". Meta ha ancora la possibilità di impugnare la multa in un tribunale irlandese.

Commentando la notizia, un portavoce di Meta ha affermato che la società ha apportato modifiche ai suoi "sistemi durante il periodo in questione, inclusa la rimozione della possibilità di eseguire lo scraping delle nostre funzionalità in questo modo utilizzando i numeri di telefono".

Hanno aggiunto: “Lo scraping non autorizzato dei dati è inaccettabile e contrario alle nostre regole e continueremo a lavorare con i nostri colleghi su questa sfida del settore.

Meta non è estraneo alle enormi multe da parte delle autorità di regolamentazione dell'UE. WhatsApp è stata multata di 225 milioni di euro per violazione della trasparenza nel settembre 2021.

Nel settembre 2022, Instagram è stata colpita da una multa ancora maggiore di 405 milioni di euro relativa al modo in cui la piattaforma di social media ha gestito i dati appartenenti ai bambini.

Nel marzo 2022, la Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) ha inflitto a Meta una multa di 17 milioni di euro per una serie di violazioni di dati storiche risalenti al 2018.

Condividi questo