Meta sta aggiornando la sua politica di feedback della community per iniziare a reprimere le persone e le aziende che abusano del suo sistema di revisione.

In futuro, Facebook applicherà regole più severe (si apre in una nuova scheda) su ciò che è consentito nei post di commento. Apparentemente, alcuni utenti e aziende stavano giocando con il sistema dei commenti della community per ingannare le persone o manipolare le recensioni. Meta vuole mantenere le cose il più oneste possibile e (idealmente) assicurarsi che le persone abbiano un'esperienza positiva su Facebook.

Prima di questo aggiornamento, Facebook faceva recensioni manipolative, ma ora è scritto nella pagina Termini e politiche (si apre in una nuova scheda). Far rispettare l'onestà e la trasparenza sulla più grande piattaforma di social media del mondo sembra un gioco da ragazzi e ci vorrà molto tempo, ma meglio tardi che mai.

Nuove regole

L'aggiornamento delle norme include cinque nuove modifiche che interessano due funzionalità dei negozi Facebook: "Valutazioni e recensioni" e "Domande e risposte". Un rappresentante di Facebook ha detto a TechRadar che queste funzionalità appaiono solo nella versione americana di Shops, quindi solo gli utenti negli Stati Uniti saranno interessati. Come per altri paesi, il rappresentante ha dichiarato vagamente che Meta condividerà maggiori informazioni in futuro.

La prima modifica è che gli utenti ora non possono utilizzare le recensioni per "distorcere [o]" truffare le persone per denaro o regali. Recensioni o post incentivati ​​non sono più consentiti a meno che non facciano parte di un accordo con il marchio più ampio (si apre in una nuova scheda). Meta definisce l'incentivo come un'azienda che offre una ricompensa o un rimborso in denaro in cambio di lasciare una buona recensione sulla propria pagina.

Successivamente, un post di recensione deve essere rilevante per l'azienda, il prodotto e l'esperienza del revisore. Lo spam sarà anche ulteriormente moderato, secondo Meta, che include "pubblicazione, condivisione e invio di contenuti ad alta frequenza". [e] promozione". E l'ultima modifica è un'applicazione più rigorosa dei contenuti offensivi. Meta non vuole che gli utenti minaccino gli altri o pubblichino contenuti grafici in un gruppo, ad esempio.

Meta afferma che questi cambiamenti sono progettati per garantire che la sua piattaforma rimanga un luogo di fiducia. Vuoi che le recensioni della community mantengano un grado di integrità e autenticità in modo che le persone possano effettuare acquisti consapevoli. Per quanto riguarda le aziende, Meta vuole che sappiano che saranno protette da pretese fraudolente o abusi secondo le nuove regole.

L'azienda chiede alla comunità nel suo insieme di segnalare eventuali violazioni osservate. Meta esaminerà quindi il rapporto. Se riscontri una violazione di questa norma, Facebook rimuoverà l'avviso di revisione e potrebbe bannarti per ripetute violazioni. Per le attività che violano le regole, funzionalità come l'accesso alle etichette e alle schede di prodotto potrebbero essere rimosse.

Analisi: c'è ancora margine di miglioramento

Facebook ha già represso le recensioni false. Un rapporto dell'Autorità per la concorrenza e i mercati (si apre in una nuova scheda) (CMA) nel Regno Unito afferma che la piattaforma si è sbarazzata di 16,000 gruppi che si scambiavano recensioni false su Facebook e Instagram. E a marzo, Meta ha intentato una causa (si apre in una nuova scheda) contro qualcuno che gestiva un'azienda specializzata nella pubblicazione di recensioni false.

Bene su Meta per aver represso queste recensioni false, ma il loro lavoro è tutt'altro che finito. Le truffe di phishing sono un grosso problema. Un recente rapporto della società di sicurezza informatica PIXM rivela che ben 2,7 milioni di utenti di Facebook potrebbero essere stati colpiti da truffe. È importante imparare a proteggersi dalle truffe di phishing. Fortunatamente, TechRadar ha una guida che ti insegna come proteggerti.

Condividi questo