Meta scuote l'industria musicale con un nuovo

Le vendite complessive di PC in Europa occidentale sono diminuite del 22% nel terzo trimestre del 2022, secondo gli ultimi dati della società di analisi Canalys, poiché la domanda aziendale, che è generalmente resiliente nella regione, è diminuita del 20%.

I laptop sono stati i più colpiti, in calo di un trimestre con appena 10,4 milioni di unità spostate, con Canalys che ha citato il "deterioramento della fiducia delle imprese" come fattore trainante.

E mentre le vendite di desktop sono diminuite solo del 6%, aiutate dalla domanda delle grandi aziende, anche tenendo conto del passaggio al lavoro ibrido dalla pandemia di Covid-19, i tablet sono diminuiti del 13%, a 6 milioni di unità spedite, come previsto aumento durante il i nuovi termini scolastici fallirono. materializzarsi.

Anno dopo anno

Dall'inizio del 2020, le vendite di laptop sono aumentate costantemente, raggiungendo il picco esattamente un anno dopo.

Tuttavia, il secondo trimestre del 2021 non ha registrato praticamente alcuna crescita su base annua poiché gli effetti della pandemia hanno iniziato a farsi sentire e, mentre il trimestre successivo ha registrato un certo aumento, nel quarto trimestre è arrivato un nuovo plateau.

Il primo trimestre del 2022 ha segnato l'inizio della contrazione del mercato, registrando un calo del -3% su base annua, seguito da un calo del -18% nel secondo trimestre e infine del -22% nel terzo.

"La spesa precedentemente effettuata dalle grandi aziende di PC sta ora diminuendo allo stesso ritmo del segmento consumer", ha affermato Kieren Jessop, analista di Canalys.

"Le piccole e medie imprese hanno ridotto significativamente i loro acquisti di PC, più delle grandi imprese, poiché i venti contrari economici hanno ridotto il flusso di cassa e l'aumento dei tassi di interesse ha reso le opzioni di finanziamento più costose".

Jessop ha inoltre spiegato che la domanda dei consumatori è stata influenzata dall'inflazione nella regione e dall'aumento dei costi energetici. Con l'inflazione che ha il maggiore impatto sulle persone a basso reddito, le spedizioni di PC di fascia bassa sono diminuite più dei prodotti di fascia media e alta, sebbene Jessop si aspetti che quest'ultimo diminuisca e che i ricavi continuino a contrarsi. modificare. ai sistemi di fascia bassa. .

"I fornitori i cui portafogli coprono fasce di prezzo più ampie saranno in una posizione migliore per trarne vantaggio", ha aggiunto.

La debole domanda di PC ha anche inevitabilmente portato a un accumulo di inventario, con il 38% dei partner di canale che detiene fino a quattro settimane di inventario di PC, rispetto al 25% dell'anno precedente, secondo un sondaggio di Canalys.

Guardando al futuro, non si prevede che il quarto trimestre del 2022 andrà meglio in quanto, nonostante le forti vendite del Black Friday a novembre, la spesa per le festività imminenti dovrebbe essere la più debole del decennio a venire, mentre le preoccupazioni economiche continuano. Jessop ha affermato che "i fornitori dovranno continuare a offrire promozioni per stimolare la domanda e liberare l'inventario in quello che si preannuncia come un inverno freddo per il mercato".

A lungo termine, tuttavia, Canalys prevede una ripresa della crescita, osservando che la primavera del 2023 dovrebbe vedere una certa crescita man mano che le persone aggiorneranno i dispositivi acquistati durante la pandemia, anche se molti aspetteranno fino al 2024.

Dalla fine del 2023 al 2026 sono previsti andamenti stagionali regolari, con livelli di domanda costanti intorno al 25% dei livelli pre-pandemia.

"Le tendenze positive sull'utilizzo dei dispositivi di consumo e sul lavoro ibrido indicano che c'è ancora ottimismo a lungo termine per PC e tablet", ha osservato Jessop.

Condividi questo