Sabrent ha confermato che rilascerà il suo primo SSD business SATA da 16 TB (e probabilmente solo da 2,5 pollici) quest'estate.

"Tornato [a dicembre 2020] quando questo SSD da 16 TB è stato annunciato poco dopo, Phison ha riscontrato problemi con il driver utilizzato e ha annullato il progetto", ha detto un portavoce a TechRadar Pro.

«La bonne nouvelle dans les problèmes a été correctée et nous attendons à voir très bientôt des échantillons d'ingénierie de SSD. Donc, insomma, sarà un buon prodotto, arriveremo presto, se tutto andrà bene dopo che avrò testato i campioni”.

16 TB M.2? non così in fretta

È probabile che l'unità utilizzi i pacchetti QLC a 96 strati di Micron con un controller Phison E12S. Non sappiamo quale sarà il prezzo, ma dato che puoi acquistare un SSD da 8 TB a soli € 749 (il Samsung 870 QVO di Amazon (si apre in una nuova scheda)), saremmo spiacevolmente sorpresi se Sabrent vendesse il suo colosso da 16 TB . unità per più di € 1500, al di sotto del prezzo di € 100/TB.

Il pubblico di destinazione saranno le aziende che cercano di sostituire i vecchi dischi rigidi da 2,5 pollici che hanno raggiunto un limite di capacità. Negli ultimi anni non è stata annunciata alcuna nuova unità portatile da 2,5 pollici da 5 TB. Fornitori come Seagate e WD hanno concentrato i loro sforzi sui modelli da 3,5 pollici, con modelli da 20 TB già disponibili e modelli da 50 TB in fase di sviluppo.

Uno stimato editore della nostra pubblicazione sorella Anandtech ha scritto nel 2019 che nessuno voleva più di 16 TB per SSD, ma Sabrent insiste che ci sarebbe un'enorme richiesta per uno, probabilmente alimentata dalla domanda post-Covid. E l'azienda produce già un SSD portatile di questa capacità che include due SSD da 8 TB.

Ma quando vedremo un SSD di classe M.2 da 16 TB? Gli ostacoli sono tanti, anche se la tecnologia esiste.

Micron ha annunciato un chip NAND a 232 strati all'inizio di quest'anno e l'YTMC cinese dovrebbe seguire l'esempio più avanti nel 2022. È più del doppio della capacità della NAND a 96 strati utilizzata da Sabrent nel suo SSD Rocket Q. e dovrebbe essere sufficiente anche per SSD M2 da 19,2 TB. E i driver non dovrebbero essere un problema, dal momento che tecnicamente non esiste un limite massimo per la capacità di archiviazione.

Il problema più grande resta la potenza, sia in termini di consumi che di dissipazione del calore. Le attuali specifiche M.2 potrebbero fornire energia sufficiente senza la necessità di un alimentatore esterno? La giuria è ancora fuori.

Condividi questo