I legislatori indiani vogliono che Twitter e Meta siano presi in considerazione

Un nuovo studio ha rilevato che quasi la metà (47%) degli utenti dei social media è stata vittima di qualche forma di truffa sugli acquisti sui social media e non se la è cavata meglio di altre truffe comuni.

Un rapporto Atlas VPN (si apre in una nuova scheda), analizzando il sondaggio della società di marketing digitale GoodFirms (si apre in una nuova scheda) su 560 utenti di social media, mostra che i link di phishing (il 36 % ha ammesso di esserne innamorato), i regali le truffe sulle carte (anche il 7%), le truffe di "aiuto" (36,7%) e le offerte di lavoro fasulle (33,3%) sono tra le truffe più comuni ed efficaci, con molte altre nell'elenco.

Come spiega Atlas, le tecniche tra le truffe possono cambiare (ad esempio, un collegamento di phishing è un processo ampiamente automatizzato, mentre una truffa romantica prevede il contatto diretto con un attore della minaccia), ma i motivi rimangono gli stessi: rubare denaro, che può anche dati medi.

Prevenire le truffe online

Mentre il mondo si precipita online per le migliori offerte del Black Friday (come le nostre sulle scrivanie in piedi), la piaga delle truffe probabilmente non si placherà presto. L'unica risposta, a quanto pare, è educare gli acquirenti rabbiosi a essere intelligenti.

Insieme al suo rapporto, Atlas VPN ha fornito i suoi migliori consigli per rimanere al sicuro online. Tra loro, chiedendosi se un affare è troppo bello per essere vero. Questo sarà sempre un consiglio affidabile per coloro che sono preoccupati di essere truffati online. La tecnologia sta cambiando, ma il pensiero critico è una costante vitale.

Come parte di questo, raccomanda di esaminare attentamente il collegamento o il profilo di un sito Web per verificarne la veridicità, osservando che i social media o il sito Web di un'azienda dovrebbero avere un aspetto professionale e avere un'ortografia e una grammatica perfette.

È vero, ma vale la pena aggiungere che è sempre consigliabile ispezionare un indirizzo web effettivo, se si è in dubbio su dove conduce, prima di fare clic su di esso. Atlas VPN suggerisce di acquistare da marchi noti, ma potresti aver ricevuto un collegamento a un sito che afferma di provenire da quel marchio, con un errore di battitura molto sottile nell'indirizzo web.

Questo è anche il caso delle app per lo shopping mobile. Le app non autorizzate possono pagare per una posizione di elenco più elevata per una determinata parola chiave rispetto all'app legittima che probabilmente stai cercando. Prenditi un momento per confrontare ciò che vedi con ciò che stai cercando e non aver paura di scorrere.

Atlas VPN consiglia naturalmente di utilizzare un servizio VPN se utilizzi il WiFi pubblico per fare acquisti, anche se ti consigliamo di aspettare fino a quando non torni a casa, se possibile.

Sottolinea inoltre l'importanza di generare password casuali per ogni account che mantieni online e di memorizzarle in un gestore di password.

Può essere noioso, ma se riesci a essere truffato, mitigherai il rischio per i tuoi dati molto più che creare la tua password, ehm, "password".

Condividi questo