Google Meet ha stretto una partnership con la piattaforma di collaborazione visiva online Miro per migliorare le sessioni di brainstorming e collaborazione sulla sua piattaforma di videoconferenza.

L'interfaccia si chiama "Miro board" e corre accanto alla finestra Meet esistente che mostra i partecipanti attivi e altre funzionalità come chat e alzare la mano.

Le bacheche Miro nuove o prefabbricate possono essere visualizzate in una chiamata e le bacheche esistenti possono essere allegate agli inviti alle riunioni. L'accesso come ospite consente a chi non ha un account di salvare una scheda per un massimo di 24 ore, ma ci sono account Miro gratuiti ea pagamento con più funzionalità.

È possibile accedere a strumenti di disegno, modelli, note adesive digitali e commenti senza dover aprire una nuova finestra e perdere di vista i partecipanti alla chiamata.

Integración de Google Meet Miró

(Credito immagine: Google)

Usa Miro in Google Meet

Gli amministratori di Google Workspace Education dovranno abilitare l'integrazione con Miro, mentre tutte le altre edizioni di Google Workspace l'hanno abilitata per impostazione predefinita. È disponibile anche per account personali e precedenti account G Suite Basic e Business. Gli account Google Family Link e gli utenti di età inferiore ai 18 anni non avranno accesso a Miro, almeno per ora.

Sarà disponibile in Google Chrome e Microsoft Edge, ma altri browser come Safari non sono supportati "in questo momento". Il lancio completo del nuovo strumento di collaborazione è iniziato ieri, 13 luglio 2022, con una finestra di 1-3 giorni prima che gli utenti potessero vedere l'integrazione.

In un post sul blog (si apre in una nuova scheda), Jennifer Shen, Product Manager di Google Workspace Group, ha spiegato come l'obiettivo dell'azienda sia "fornire esperienze di collaborazione efficaci in cui i tuoi team stanno già lavorando insieme, riducendo il cambio di contesto, in modo che possano creare e ottenere di più insieme”.

Poiché di recente le aziende si sono rivolte a suite di videoconferenza per facilitare le routine di lavoro ibride, Google Meet ha lanciato oltre 100 nuove funzionalità, tra cui alzare la mano, sondaggi, domande e risposte, titoli tradotti in sub-traduzione e sale riunioni, che secondo la società hanno contribuito a migliorare i loro appelli inteso. .

L'azienda è destinata ad espandere le sue soluzioni di terze parti "nei prossimi trimestri" con altri strumenti di collaborazione e produttività.

Condividi questo