Esclusivo il creatore di ProtonMail dice che tenta di

L'Unione Europea (UE) ha dato la sua approvazione definitiva a due leggi fondamentali progettate per limitare il potere delle più grandi aziende tecnologiche del mondo.

La prima ad entrare in vigore sarà la legge sui mercati digitali (DMA), che mira a impedire ai cosiddetti "gatekeeper" di abusare della loro posizione dominante per scacciare i concorrenti in mercati come ricerca, browser, messaggistica ed e-mail. Queste nuove regole si applicheranno dall'inizio del 2023.

Il Digital Services Act (DSA), da parte sua, mira a limitare la diffusione di contenuti illegali e disinformazione sulle piattaforme digitali, oltre a vietare alcune pratiche pubblicitarie manipolative. I termini del DSA inizieranno ad essere applicati circa un anno dopo.

Entrambe le proposte hanno incrociato i rispettivi voti con un sostegno schiacciante.

Nuove regole per la grande tecnologia

Le due nuove leggi cercheranno di affrontare queste diverse e complesse problematiche imponendo una serie di regole aggiuntive a Google, Apple, Meta, Amazon e Microsoft.

Ai sensi della DSA, ad esempio, i fornitori di servizi digitali saranno tenuti ad attuare nuove misure per garantire che i contenuti illegali possano essere rapidamente identificati e rimossi e ad attuare nuovi controlli sui commercianti del mercato online.

Inoltre, alle piattaforme che si basano su feed basati sull'intelligenza artificiale per fornire contenuti agli utenti verrà chiesto di rivelare i loro algoritmi per l'ispezione di terze parti e di offrire una visione più approfondita delle loro pratiche di moderazione dei contenuti.

Il DMA, d'altra parte, include misure per impedire ai gatekeeper di classificare i propri prodotti più in alto nei risultati di ricerca e per impedire agli utenti di disinstallare app precaricate, nonché l'obbligo di fornire alle persone modi semplici per passare a servizi alternativi.

La legislazione impone anche un livello di interoperabilità tra i servizi di messaggistica, che potrebbe avere importanti ramificazioni per WhatsApp e Messenger, entrambi di proprietà e gestiti da Meta.

“Per troppo tempo i giganti della tecnologia hanno approfittato dell'assenza di regole. Il mondo digitale è diventato un selvaggio West, con i più grandi e forti che dettano le regole. Ma c'è un nuovo sceriffo in città", ha detto la giornalista della DSA Christel Shaldemose.

“D'ora in poi le norme ei diritti saranno rafforzati. Apriamo la scatola nera degli algoritmi in modo da poter dare una buona occhiata alle macchine per fare soldi dietro queste piattaforme social.

Un messaggio altrettanto ottimista è stato condiviso da Andreas Swab, relatore della direttiva quadro sulle acque, che ha affermato:

“Non accettiamo più la 'sopravvivenza del più idoneo finanziariamente'. L'obiettivo del mercato unico digitale è che l'Europa ottenga le migliori aziende, non solo le più grandi".

Se queste nuove regole vadano abbastanza lontano o possano essere applicate efficacemente è un'altra questione. C'è chi pensa che il DMA faccia poco per impedire ai tutori di abusare del potere di default, per esempio. E mentre i giganti della tecnologia possono essere multati fino al 20% delle entrate globali per ripetute non conformità, la storia ha dimostrato che sono più che disposti a prendere qualche colpo sui profitti.

  • Proteggi la tua privacy online con i migliori servizi VPN disponibili
Condividi questo