La mayoria de nosotros ya queremos comenzar a delegar tareas

La delega dei compiti sul posto di lavoro non è una novità, ma un sondaggio di The Harris Poll ha identificato una differenza fondamentale guardando al futuro: i lavoratori presto delegheranno compiti ripetitivi all'IA.

Secondo lo studio, quasi i tre quarti (72%) dei lavoratori statunitensi prenderebbero in considerazione la possibilità di delegare attività come fatturazione, controllo e rendicontazione all'IA, consentendo loro di concentrarsi su attività e lavori più difficili che richiedono più input manuali, come la gestione dei progetti. . .

I risultati hanno anche indicato che la generazione Z è più interessata all'intelligenza artificiale rispetto alle generazioni precedenti, poiché la fascia di età continua a cercare un sano equilibrio tra lavoro e vita privata. La generazione Z diventerà il gruppo più numeroso che tenterà di superare i millennial, quindi si prevede che il passaggio all'intelligenza artificiale sarà significativo per molti settori.

Carico di lavoro dell'IA

Tuttavia, ci sono ancora molti lavoratori più anziani desiderosi di adottare nuove tecnologie. In effetti, lo studio ha rilevato che l'81% delle persone di età compresa tra 35 e 44 anni e il 76% di quelle di età compresa tra 45 e 54 anni erano disposti a delegare compiti nel tentativo di raggiungere un migliore equilibrio tra lavoro e vita privata.

Con questo in mente, la quinta edizione del report State of AI in the Enterprise di Deloitte (si apre in una nuova scheda) rileva che le aziende semplicemente non stanno ottenendo le loro implementazioni AI corrette. Dei loro partecipanti al sondaggio, circa uno su cinque (22%) è stato considerato "underperformer" o, più semplicemente, non aveva adottato abbastanza pratiche per aiutarli a ottenere risultati significativi.

Deloitte suggerisce che le aziende stanno sfruttando l'entusiasmo dei lavoratori per l'intelligenza artificiale e, poiché la generazione Z continua a crescere, sembra che non ci sia mai stato un momento migliore per provare l'intelligenza artificiale.

Via VentureBeat (si apre in una nuova scheda)

Condividi questo