Intel e il Barcelona Supercomputing Center (BSC) hanno annunciato un investimento di 400 milioni di euro in un nuovo laboratorio dedicato allo sviluppo di processori RISC-V.

La struttura si concentrerà sulla costruzione di processori basati su RISC-V per alimentare sistemi di calcolo ad alte prestazioni (HPC), nonché chip speciali per intelligenza artificiale e veicoli autonomi.

L'obiettivo è abilitare sistemi di classe zettascale circa 1000 volte più potenti dei supercomputer più veloci di oggi, una pietra miliare che Intel intende raggiungere entro i prossimi cinque anni.

“L'elaborazione ad alte prestazioni è la chiave per risolvere i problemi più difficili del mondo e in Intel abbiamo l'obiettivo ambizioso di entrare rapidamente nell'era della scala zetta per l'HPC. [sic] ha affermato Jeff McVeigh, vicepresidente e direttore generale del Super Compute Group di Intel.

“Il Barcelona Supercomputing Center condivide la nostra visione di questo obiettivo, con uguale attenzione alla sostenibilità e un approccio aperto. Siamo lieti di collaborare con loro per intraprendere questa avventura.

Intel e RISC-V

RISC-V è un'architettura di set di istruzioni (ISA) gratuita e open source costruita attorno agli stessi principi di progettazione dei core proprietari di Arm. Al momento, le CPU basate su RISC-V sono molto meno comuni dei chip basati su Arm o x86, ma il movimento sembra prendere slancio.

L'idea della custodia x86 Intel di adottare processori basati su RISC-V potrebbe sorprendere alcuni, ma ci sono molti metodi per la follia.

Il rapporto potenza/prestazioni raggiunto dalla serie Graviton di Amazon e da altri chip per server basati su Arm è una prova sufficiente che RISC-V potrebbe avere un futuro nella fascia più alta dello spettro delle prestazioni, non solo nei dispositivi a bassa potenza.

Se Intel vuole mantenere la sua posizione di forza nel mercato dell'HPC e dei data center, ha senso che l'azienda esplori opzioni oltre a x86, anche se l'ascesa di RISC-V potrebbe in definitiva portare a una riduzione dei ricavi delle licenze.

L'ultimo investimento segue un impegno di XNUMX miliardo di dollari fatto a febbraio, in cui Intel offrirà supporto a varie aziende nell'ecosistema RISC-V. L'obiettivo sarà quello di creare le basi per prodotti modulari che utilizzano più ISA.

Nell'ambito dello stesso annuncio, Intel ha rivelato che sarebbe diventata membro di RISC-V International, l'organizzazione senza scopo di lucro che presiede il RISC-V ISA e le sue estensioni.

Le nuove versioni RISC-V di Intel non indicano un calo della spesa per progetti basati su x86, tutt'altro. Ma mostrano che l'azienda si sta preparando per un potenziale futuro in cui x86 non è più il top dog.

Condividi questo