HP ha lanciato una nuova iniziativa per cercare di recuperare le entrate in calo nello spazio delle stampanti.

La società offrirà ora un servizio di consegna della carta in abbonamento ai suoi abbonati a Instant Ink mentre cerca nuovi flussi di entrate.

“Ora stiamo testando il servizio di consegna della carta a questi clienti, che è un'altra proposta di valore chiave perché se stampi da casa, devi andare a comprare la carta. [è] pesante, molto doloroso e lo consegneremo", ha affermato il CEO di HP Enrique Lores alla 50a conferenza annuale di Cowan su tecnologia, media e telecomunicazioni.

Cosa c'è dietro la mossa?

L'ultima mossa ha lo scopo di sostituire alcune delle entrate perse che il gigante della stampa, che tradizionalmente ha realizzato ricavi elevati dalle vendite di inchiostri, ha perso nell'attuale clima di lavoro ibrido.

"La quantità di stampa per ufficio sarà circa l'80% di quella che ci aspettavamo prima dell'inizio della pandemia", ha aggiunto Lores.

Per anni HP è passata a un modello più basato su abbonamento.

Il gigante dell'hardware ha aumentato i prezzi delle stampanti compatibili con inchiostri e materiali di consumo di terze parti nel 2020, optando invece per spingere HP+, un servizio di stampa basato su cloud che può includere consegne automatiche di materiali di consumo per gli utenti.

Alla fine del 2021, HP ha deciso di porre fine al suo popolare piano "inchiostro gratuito a vita", che consentiva ai suoi clienti di stampare fino a 15 pagine al mese, e ha anche aumentato il prezzo del servizio di abbonamento Instant Ink (potenzialmente fino al 50% ). in alcuni casi) nel marzo 2022.

Non è chiaro se gli sforzi di HP per reinventarsi stiano dando i loro frutti, poiché la società "ha perso denaro per quasi il 25%" dei suoi clienti, riporta The Register sulla conferenza.

Come molte altre aziende, l'azienda è stata colpita da problemi globali che hanno interessato le catene di approvvigionamento.

Le stampanti a getto d'inchiostro e laser di HP sono popolari in tutto il mondo e la società avrebbe sacrificato circa XNUMX miliardo di dollari di vendite ritirandosi dai mercati russo e bielorusso.

Il futuro del mondo delle stampanti desktop potrebbe non essere certo, ma ciò non ha impedito al leggendario investitore Warren Buffet di rivelare di recente una partecipazione sostanziale nella società, acquistando circa 121 milioni di azioni, o l'11%, del gigante dei computer.

Tramite il registro (si apre in una nuova scheda)

Condividi questo