Google vuole trasformare il tuo vecchio PC o Mac in un

Google ha annunciato il rilascio di ChromeOS Flex, un sistema operativo più leggero in grado di avviare il tuo vecchio PC o Mac trasformandolo in un dispositivo Chromebook.

Annunciato per la prima volta nel febbraio 2022, ChromeOS Flex è ora disponibile per il download su molti dispositivi Windows e macOS e Google afferma che è particolarmente utile per le macchine meno recenti, offrendo alle aziende e alle scuole, in particolare, maggiore flessibilità nelle loro opzioni di software.

Il nuovo sistema operativo è disponibile per il download su 295 modelli certificati e anche di più che non sono stati ufficialmente testati dai tecnici Google. I modelli approvati da Google (si apre in una nuova scheda) includono molti modelli di MacBook Air e MacBook Pro, molti modelli Dell e HP e altro ancora.

Esecuzione di ChromeOS su dispositivi Windows e macOS

Google afferma che "il sovraccarico del software, l'hardware goffo e le vulnerabilità di sicurezza possono causare danni indesiderati" in un'analogia paragonabile ai danni del sole. La soluzione, o crema solare come dice Google, è installare il loro nuovo ChromeOS Flex su macchine meno recenti.

Il software "cloud-first" ricorda l'equivalente già visto sui dispositivi Chromebook, offrendo un modo semplificato per accedere agli strumenti di Google Workspace come Gmail, Meet, Google Docs, con migliaia di app disponibili sul Play Store.

Il processo di aggiornamento è stato progettato per essere il più semplice possibile, con ChromeOS Flex che può essere distribuito rapidamente tramite USB o nella rete aziendale.

La società afferma che "i dispositivi non rallentano nel tempo", il che dovrebbe aiutare a ridurre i rifiuti elettronici, di cui si stima che vengano generati circa 40 milioni di tonnellate a livello globale ogni anno, o l'equivalente di 800 computer portatili al secondo.

ChromeOS Flex dovrebbe anche essere, in media, il 19% più efficiente dal punto di vista energetico, afferma l'azienda in un post sul blog (si apre in una nuova scheda) di Thomas Riedl, product manager per il business e l'istruzione. Gli aggiornamenti in background manterranno aggiornati anche i dispositivi che eseguono l'ultima interfaccia ChromeOS Flex per garantire la protezione della sicurezza.

Google lo sta introducendo alle aziende e alle istituzioni educative, per i quali questa dovrebbe essere una buona notizia, con conseguente riduzione dell'investimento di capitale poiché i dispositivi durano più a lungo. Detto questo, potrebbe non essere adatto a tutti, poiché molte organizzazioni si affidano esclusivamente alle app Windows o macOS per svolgere il proprio lavoro.

Condividi questo