Google ha rilasciato Chrome 103, dove da anni cerca di risolvere i problemi di sincronizzazione che gli utenti hanno avuto con i dispositivi Google, a partire da Phone Hub.

In questo nuovo aggiornamento (si apre in una nuova scheda), la funzione migliora il modo in cui le foto scattate con il tuo dispositivo Android vengono visualizzate sugli altri dispositivi Google, come Chromebook e tablet, a condizione che tu abbia effettuato l'accesso allo stesso account.

C'è anche, infine, un modo migliore per condividere le password Wi-Fi grazie a Near Sharing. Una volta connesso a una rete, puoi condividerlo con un altro Chromebook o smartphone come il Pixel 6, ad esempio, consentendo loro di connettersi alla rete in un istante.

È bello vedere finalmente queste funzionalità di qualità della vita provenire da Google, considerando che Apple le ha da anni. Tuttavia, mentre la società afferma che questo è solo l'inizio di ciò che vuole fare per la sincronizzazione dei dispositivi, sarebbe dovuto accadere molto prima.

Analisi: buon inizio Google, ora vediamo di più

(Credito immagine: ASUS)

Siamo in un'era in cui molti utenti possiedono più di un dispositivo smart e molti di loro sono alimentati dal software Google. Dato che per anni è stato difficile condividere i contenuti tra dispositivi, è sconcertante che l'azienda non sia intervenuta prima per migliorarlo.

Il servizio iCloud di Apple, ad esempio, ha consentito la condivisione di schede e password Wi-Fi tra utenti dal 2015, mentre l'associazione dei tuoi AirPods con un iPhone è in circolazione dal 2017, mentre Google ha introdotto una funzionalità simile solo nel 2021.

È tempo che l'azienda si muova insieme su questo, ed è rassicurante che sembra che lo stia facendo. Tuttavia, il tempo dirà quanto velocemente arriveranno queste modifiche ad Android 13, Chrome OS e altro ancora.

Condividi questo