Diverse aziende hanno presentato a Google piani per chiudere la versione gratuita del loro vecchio prodotto G Suite.

Come riportato dal New York Times, un certo numero di imprenditori è comprensibilmente scontento dei tentativi di Google di incanalarli in pacchetti Google Workspace a pagamento (che partono da $ 6 o $ 5 per utente al mese).

La più grande fonte di frustrazione, tuttavia, è il modo in cui Google ha gestito il cambiamento di politica, dando alle aziende già a corto di liquidità una breve lista per decidere se rimanere o trasferirsi.

Addio G Suite

Google ha annunciato per la prima volta che avrebbe revocato l'accesso gratuito al suo software di produttività e collaborazione per tutti gli ex clienti di G Suite a gennaio di quest'anno. Il contraccolpo che seguì non fu sicuramente una sorpresa.

Alla fine Google ha accettato di consentire alle persone che gestiscono vecchi account G Suite per uso personale di continuare a utilizzare il suo software gratuitamente, ma non ha concesso tale esenzione per le aziende.

Dopo aver posticipato la scadenza originale del 1° maggio, il 27 giugno Google trasferirà automaticamente le aziende a un abbonamento a Google Workspace a pagamento. Coloro che si rifiutano di pagare il conto vedranno la sospensione dell'account il 1 agosto.

La mossa fa parte di uno sforzo per estrarre più valore dai prodotti che già offre, in mezzo all'aumento dei costi energetici e dei materiali associati alla gestione dei data center su larga scala su cui si basano i suoi servizi. Un obiettivo eminentemente sensato, da un punto di vista puramente economico.

Tuttavia, il cambiamento di politica sembra aver lasciato alcuni clienti addolorati; dicono che Google li ha attirati con servizi gratuiti, da cui ora dipendono, e non ha tenuto conto delle pressioni finanziarie che devono affrontare nel clima attuale.

"L'ho trovato inutilmente meschino", ha detto un imprenditore. “È difficile dispiacersi per qualcuno a cui è stato dato qualcosa gratuitamente per molto tempo e ora gli viene detto che deve pagare, ma è stata fatta una promessa. Questo è ciò che mi ha spinto a prendere la decisione di andare con Google. »

"Si trattava meno di quanto addebitano e più del fatto che hanno cambiato le regole", ha spiegato un altro. "Potrebbero cambiare di nuovo le regole in qualsiasi momento".

Da parte sua, Google ha insistito sul fatto che rimanesse impegnata a soddisfare le esigenze dei suoi clienti e si è spostata verso sconti di dodici mesi disponibili per le aziende costrette a effettuare il passaggio.

"Siamo qui per aiutare i nostri clienti durante questa transizione, inclusi forti sconti sugli abbonamenti a Google Workspace. L'aggiornamento a un abbonamento a Google Workspace può essere effettuato in pochi clic", ha affermato la portavoce Katie Wattie.

Tramite il New York Times (si apre in una nuova scheda)

Condividi questo