Lo sviluppatore di League of Legends Riot Games ha tradotto con successo la sua abilità con il multiplayer online nel genere FPS nel 2020, rivelando una propensione per gli angoli di Counter-Strike duri nel processo. Ad oggi, Valorant rimane uno sparatutto popolare, anche se altamente tecnico.

Tuttavia, realizzare Valorant sembra un lungo incubo tecnico, con Riot che dà la priorità alla rifinitura e alla codifica intelligente per creare uno sparatutto che premi la precisione millimetrica pur rimanendo scalabile su un'ampia gamma di macchine radicalmente diverse.

Ho parlato con l'ingegnere capo di Riot per il gioco, Marcus Reid, per comprendere meglio la tecnologia alla base che ha permesso agli FPS free-to-play di rimanere di successo due anni dopo.

così buono è hertz

Un gioco che richiede così tanta abilità e precisione non funzionerebbe senza server ad alto tasso di tick. "Abbiamo fatto molti esperimenti con giocatori davvero talentuosi per capire come funziona al meglio il gioco", spiega Reid.

“Abbiamo scoperto che avevamo davvero bisogno di 128 server con velocità di ping per raggiungere i nostri obiettivi. Vogliamo anche che la stragrande maggioranza dei nostri giocatori abbia meno di 35 millisecondi di ping. Questa è la condizione ottimale. .

Un tick rate più basso o un ping più alto introducono lag, esacerbando problemi come il vantaggio dell'aspetto, un "artefatto di rete", nelle parole di Riot, portando a un vantaggio cruciale in una frazione di secondo per un giocatore che guarda dietro l'angolo l'avversario di fronte a lui. . L'argomento è spesso discusso tra squadre competitive e ha portato a controversie di alto profilo sul ping dei giocatori.

Neon usando su habilidad High Gear

(Credito immagine: Riot Games)

Detto questo, rendere Valorant un gioco altamente scalabile era ancora una priorità. Riot continua a rendere il gioco accessibile ai giocatori utilizzando un'ampia varietà di build. Inoltre, non esitare a soluzioni di visualizzazione come Nvidia Reflex, che bypassa la coda di rendering per migliorare la comunicazione tra la CPU e la GPU della tua macchina.

"Supportiamo alcune macchine di fascia bassa", afferma Reid, "e vogliamo che queste macchine giochino bene e siano in grado di giocare in modo competitivo. Penso che Reflex supporti le GPU sin dalla serie 900, che è stata rilasciata nel 2014. Questo hardware è ampiamente disponibile e migliora l'esperienza di molti dei nostri giocatori che riteniamo valga la pena supportare, ma vogliamo anche assicurarci di avere il meglio esperienza possibile su questo hardware di fascia alta.

I giocatori abbastanza fortunati da avere PC di fascia alta non ottengono un vantaggio ingiusto. Valorant ha un campo visivo fisso, supportando solo proporzioni 16:9 o 16:10, e anche coloro che utilizzano monitor ultrawide sono costretti a passare al widescreen in modo da non poter beneficiare della visione periferica aggiuntiva.

estrema precisione

Neon usando su Ultimate Overdrive

(Credito immagine: Riot Games)

L'elevata difficoltà di Valorant può sorprendere i giocatori più occasionali, poiché spesso punisce un gameplay non ottimale. Con un tempo di uccisione basso, lo spazio tra un giocatore che apre il fuoco e il bersaglio che cade, ogni colpo conta. Ciò significa che il registro dei risultati deve essere il più accurato possibile.

"Per quanto riguarda il modo in cui ci arriviamo, le vere risposte sono molti dati e una revisione piuttosto approfondita ogni volta che viene segnalato un problema", afferma Reid.

Pertanto, gli sviluppatori Valorant non hanno paura di guardare i bug o "qualcosa che non va" al microscopio. È un processo che la squadra deve affrontare in pubblico. Ad esempio, Riot ha pubblicato un sostanziale blog tecnico sul netcode di Valorant (si apre in una nuova scheda) e tiene informati i giocatori sulle loro risposte e sugli aggiornamenti in base al loro feedback.

Realisticamente, però, non c'è molto che Riot possa fare per garantire un'esperienza online senza interruzioni. Reid ammette che misure attenuanti come il buffering delle previsioni, che cercano di appianare le connessioni instabili, possono solo tappare le crepe in una certa misura.

"Se le condizioni della rete peggiorano davvero, se il client di gioco e il server di gioco non possono comunicare le informazioni di cui hanno bisogno in modo tempestivo, l'esperienza del giocatore peggiora", afferma.

Massima performance

Il coraggioso agente Astra

(Credito immagine: Epic Games)

Riot sembra avere la scalabilità, la qualità della connessione e la reattività generale di Valorant fino a una scienza. Ma per quanto riguarda le prestazioni?

"Quindi prima del lancio, stavamo davvero parlando di tre categorie di problemi", afferma Reid. “Quali sono gli obiettivi che dobbiamo raggiungere per le prestazioni dei nostri server? Ed è quello che offre l'esperienza di 128 tick rate.

"La seconda categoria riguarda gli scenari relativi alle GPU", continua. "Questo tende a essere su hardware di fascia bassa, come una CPU che ha una grafica integrata invece di una GPU dedicata. E poi ci sono gli scenari legati alla CPU, che tendono ad essere più per PC client di fascia media e macchine ad alte prestazioni. Questo ha anche un certo livello di sovrapposizione con le considerazioni sulle prestazioni del server.

Riot taglia raramente una funzionalità per motivi di prestazioni. Ma queste preoccupazioni hanno un impatto sul processo di sviluppo. Lo stile artistico di Valorant, ad esempio, è stato progettato da zero per avere un bell'aspetto su un'ampia gamma di hardware. "Ovviamente non è l'unica considerazione, ma toglie alcune cose dal tavolo", afferma Reid. "Non utilizzeremo il ray-tracing in tempo reale se utilizziamo un laptop del 2012.

"Mentre sviluppiamo nuove cose per i giocatori, conduciamo rigorosi test delle prestazioni", continua. “Se aggiungiamo una capacità fondamentalmente nuova che costringe il gioco a fare più lavoro, può influire sulle prestazioni. Pertanto, cerchiamo di mantenere le nuove funzionalità il più leggere ed efficienti possibile e inoltre investiamo continuamente molti sforzi ingegneristici per ottimizzare le prestazioni complessive". .

nuvola e oltre

Key art per Valorant Neon Agent

(Credito immagine: Riot Games)

Mentre approfondisci l'argomento delle prestazioni, ti starai chiedendo se Valorant potrebbe un giorno offrire un servizio di cloud gaming come Nvidia GeForce Now, consentendo ai giocatori di aggirare del tutto le limitazioni hardware. Ma Reid si è affrettato ad esprimere che una tale eventualità semplicemente non è prevista per il gioco a questo punto.

"Con un particolare servizio di cloud gaming, la sfida sarebbe la maggiore latenza di passare attraverso un server di cloud gaming e poi parlare con quel server", afferma. “Penso che sarebbe abbastanza difficile offrire il tipo di reattività di cui hai bisogno in un gioco come Valorant su un servizio di cloud gaming. non voglio dire mai; la tecnologia continuerà a migliorare. Ma non è qualcosa che stiamo considerando in questo momento. »

Più promettentemente, Reid ha confermato che la console Valorant si adatta a PS5 e Xbox Series X | Le S sono "qualcosa che stiamo decisamente esplorando". Tuttavia, non è stato in grado di darci ulteriori informazioni di quelle.

Anche se ci piacerebbe vedere Valorant arrivare su più piattaforme, capiamo che è stato progettato prima per PC, in gran parte a causa della sua esigente attenzione alla precisione. Le levette analogiche sui controller non possono eguagliare la precisione di un mouse, ma si spera che Riot possa trovare una soluzione per questo e portare Valorant a un pubblico più ampio. Dopotutto: tutti meritano di giocare a un FPS progettato per la precisione.

Condividi questo