Questa settimana, il CEO di Tesla e SpaceX, Elon Musk, ha emesso un ultimatum ai colletti bianchi di entrambe le società: tornare al quartier generale o rischiare il licenziamento.

La richiesta di lavorare almeno 40 ore in ufficio è stata inizialmente rivelata dalle e-mail dei dipendenti trapelate. Più tardi mercoledì, Musk è apparso per confermare il suo editto su Twitter: quando gli è stato chiesto di commentare l'e-mail per "persone che pensano che venire al lavoro sia un concetto arcaico", ha risposto: "Dovrebbero fingere di lavorare da qualche altra parte.

La lettera di Musk allo staff senior ha chiarito: "L'ufficio dovrebbe essere dove si trovano i tuoi veri colleghi, non in uno pseudo ufficio distante". Se non ti presenti, daremo per scontato che tu abbia smesso.

Musk ha giustificato la sua richiesta di tornare in ufficio, scrivendo: "è meno di quello che chiediamo agli operai" di fare. La sua direttiva lasciava poco spazio di manovra a coloro che si trovavano in circostanze attenuanti.

"Se ci sono contributori particolarmente eccezionali per i quali ciò è impossibile, esaminerò e approverò direttamente tali eccezioni", ha scritto Musk.

Elon Musk letra 1 Gorjeo

La richiesta per i dipendenti di Tesla e SpaceX di tornare in ufficio arriva in un momento in cui le aziende di tutto il mondo stanno implementando i loro piani di lavoro ibridi, consentendo flessibilità su quando, dove e con quale frequenza i dipendenti devono essere sul sito.

Arriva anche in un momento in cui le Grandi Dimissioni vedono i lavoratori rivolgersi ai concorrenti per una migliore retribuzione e benefici o scegliere carriere completamente nuove.

Gli esperti di risorse umane e gli analisti del settore non sono stati sorpresi dalla richiesta di Musk, poiché il suo comportamento passato mostra la volontà di imporre la sua volontà ad ogni costo.

La ricerca di mercato mostra, tuttavia, che le organizzazioni che continuano a imporre la propria volontà ai propri dipendenti e rifiutano di adattare il proprio approccio gestionale perderanno i propri dipendenti migliori a causa delle aziende che offrono maggiore indipendenza.

Un'opportunità di bracconaggio?

In un contesto in cui i prezzi delle azioni delle società tecnologiche sono diminuiti drasticamente negli ultimi mesi, molte organizzazioni cercano concorrenti con politiche di lavoro meno flessibili e altri vantaggi.

"Alcune di queste aziende vedono questa come un'opportunità per attrarre talenti esterni", ha affermato Brian Kropp, vicepresidente senior della pratica delle risorse umane di Gartner.

Senti, Elon Musk è un ragazzo molto intelligente. Potrebbero esserci il 20% o il 25% dei dipendenti che finiscono per andarsene, e quelli potrebbero essere quelli che vuole lasciare, ma buona parte di quel 25% è richiesto in altri paesi". aziende", ha aggiunto Kropp.

I sondaggi tra i dipendenti hanno mostrato che fino al 40% dei lavoratori lascerebbe il lavoro se non fosse autorizzato a lavorare da remoto.

Kropp ha ammesso di non avere idea di cosa stesse pensando Musk, solo che "si muove a zigzag quando molti altri lo fanno".

"Quando guardi i dati, è chiaro che le aziende stanno abbracciando il lavoro ibrido", ha affermato Kropp.

La scorsa settimana, Gartner ha completato il suo sondaggio su 180 aziende e ha scoperto che le organizzazioni si aspettano che circa il 25% della loro forza lavoro sia completamente remota, il 60% sia ibrido e circa il 15% sia in ufficio a tempo pieno. "Quello che abbiamo scoperto è che i dipendenti che lavorano in remoto o in modalità ibrida hanno prestazioni pari o leggermente migliori degli impiegati", ha affermato Kropp.

Gli analisti non credono che Musk stia utilizzando la sua richiesta RTO per eliminare intenzionalmente la sua forza lavoro per creare un'organizzazione più efficiente; si tratta più di sapere che le loro aziende hanno una forza del marchio che pochi altri possiedono.

“Tesla ha molti più candidati che dipendenti, quindi le probabilità sono a loro favore che non vedranno una ricaduta materiale in termini di numero di dipendenti. [in partenza] ma ci saranno conseguenze per il marchio”, ha affermato Amy Loomis, direttrice della ricerca per il Global Market Research Service di IDC sul futuro del lavoro.

"Per un'azienda costruita con un focus sul futuro, è sicuramente un passo indietro nel tempo", ha aggiunto Loomis.

Jack Gold, analista principale della J. Gold Associates, è stato sincero nel riassunto delle intenzioni di Musk. "Non credo che gli importi davvero. Vuole essere responsabile di tutto e una volta che ha un'idea di come dovrebbero funzionare le cose, lo fa comunque", ha detto Gold. "Quindi questo tipo di editto non dovrebbe sorprendere nel contesto dello stile di gestione di Elon Musk".

Tesla non ha risposto a una richiesta di commento da Computerworld.

Dove sono caduti gli ordini RTO

Musk non è il primo CEO a chiedere un ritorno in carica, ma è la prima volta che le conseguenze del mancato rispetto sono state stabilite in modo così veementemente.

Nel maggio 2021, il CEO di JPMorgan Jamie Dimon ha valutato l'idea del lavoro a distanza, dicendo che "non funziona per le persone che vogliono correre".

"Non funziona per la cultura, non funziona per la generazione di idee", ha continuato Dimon. “Stiamo ricevendo critiche per il ritorno internamente. Ma è la vita.

Quasi un anno dopo, tuttavia, il contraccolpo dei dipendenti sembra aver ammorbidito la posizione di Dimon. Nell'aprile di quest'anno, Dimon ha ammesso di aspettarsi che solo circa la metà dei suoi 270 dipendenti torni in ufficio a tempo pieno, con il 000% che lavora interamente da remoto.

Apple, un'altra azienda con un potere di marca senza precedenti, ad aprile ha iniziato a richiedere ai dipendenti di trascorrere almeno tre giorni in ufficio ogni settimana. La reazione è stata quasi immediata.

Un gruppo di dipendenti che si fa chiamare "Apple Together" si è opposto al mandato di lavoro ibrido, inviando una lettera aperta ai dirigenti criticando il programma pilota di lavoro ibrido dell'azienda, definendolo inflessibile.

Loomis ha affermato che le conseguenze per Tesla e SpaceX come aziende saranno una perdita di talento ingegneristico e un impatto sia sul "marchio personale di Musk che sul marchio delle sue aziende in termini di buona fede".

"Guarda come ha fatto Jamie Dimon", ha aggiunto Loomis.

David Lewis, CEO di OperationsInc, una società di consulenza per le risorse umane del Connecticut, ha affermato che le aziende che dettano un ritorno in ufficio a tempo pieno, o come i dipendenti devono lavorare da remoto, non hanno il quadro generale. Lewis ha osservato che il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è del 3,6% e ora ci sono più di 11 milioni di offerte di lavoro.

Per i lavoratori delle tecnologie dell'informazione, la disoccupazione è solo del 2%, secondo CompTIA, un'associazione senza scopo di lucro per l'industria IT e la forza lavoro.

Ma, come ha sottolineato Loomis, Tesla è un'eccezione con la reputazione di avere una forza lavoro fieramente leale e con potenziali lavoratori che trovano la loro strada verso le sue porte.

“Nella maggior parte delle aziende, una mossa come questa, dato il mercato del lavoro, sarebbe strategicamente povera e probabilmente porterebbe molte ad andarsene. È Tesla, e come tale [Musk] potrebbe avere abbastanza cache nel suo marchio e nella sua cultura per farla franca", ha detto Lewis. “Tuttavia, questo significa solo, secondo me, che invece di un esodo di massa, perderai meno [dipendenti]. La domanda è quanto meno? »

Altri CEO seguiranno l'esempio di Musk?

In definitiva, Musk si pentirà della sua strategia, ha detto Lewis, perché scommette che la sua gente e le loro priorità saranno molto diverse da quelle di altre organizzazioni, "per il semplice fatto che il suo desiderio di lavorare per Tesla supera il suo desiderio di lavorare per Tesla. "funziona meglio per Tesla." equilibrio tra lavoro e vita privata”.

"Ha appena lanciato una massiccia campagna pubblicitaria comunicando che Tesla è un'azienda 'solo lavoro d'ufficio', che potrebbe rivelarsi molto problematica per coloro che cercano di costruire una pipeline per se stessi", ha detto Lewis. .

Tuttavia, se Musk riesce a mantenere una grande maggioranza della sua forza lavoro dopo aver affrontato la politica del back-to-office, c'è la possibilità che altre società seguano l'esempio. È una strategia contro cui Lewis e altri esperti mettono in guardia.

"Immagino che alcune aziende osserveranno da vicino e seguiranno l'esempio se avrà successo", ha affermato Gold. “Ma in verità molte aziende hanno già deciso che la produttività dei propri lavoratori e la produzione dei propri prodotti non sono state influenzate negativamente dall'avere lavoratori a distanza, almeno part-time. Quindi, se non è rotto, perché aggiustarlo se renderà le persone infelici? »

Il problema più grande che Musk e le sue aziende devono affrontare è davvero lo stile di gestione, ha affermato Gold. O ti fidi che i tuoi dipendenti forniscano risultati senza guardarsi alle spalle, oppure no.

"Se ti senti davvero come se dovessi supervisionarli a tempo pieno di persona, allora direi che la tua attività è in guai maggiori", ha detto Gold.

Kropp di Gartner ha affermato che consentire accordi di lavoro flessibili non significa solo attrarre e trattenere i dipendenti, cosa che è. "Quello a cui le aziende spesso non pensavano erano i benefici per il benessere della salute mentale del distanziamento e dell'ibridazione, ed è stato enorme".

Lewis consiglia ad altre società di monitorare l'impatto del mandato di Musk. Anche nell'improbabile scenario in cui Musk può effettivamente dimostrare un esito positivo "senza alcuna traccia di fatturato o difficoltà a riempire posti di lavoro", ha affermato Lewis, le aziende devono comunque stare attente a seguire il flusso.

“Nel complesso, penso che Elon metta regolarmente alla prova i limiti della sua attività e del suo marchio personale. Questo movimento è mal concepito e un perdente", ha detto Lewis.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo