Forza Elon! Mettiti nel XNUMX° secolo.

In un recente famigerato promemoria, Elon Musk ha detto al suo staff Tesla: "Chiunque voglia lavorare da remoto deve essere in ufficio per un minimo (e intendo *minimo*) di 40 ore settimanali o lasciare Tesla".

Musk ha continuato: "È meno di [cosa] chiediamo agli operai". Ebbene sì, ma neanche i colletti bianchi lavorano alle catene di montaggio.

In una nota di follow-up all'intera azienda, Musk ha continuato: "L'ufficio dovrebbe essere dove si trovano i tuoi veri colleghi, non in un ufficio pseudo remoto. Se non ti presenti, daremo per scontato che te ne andrai".

Oh, e non pensare che siccome sei in alto nella compagnia otterrai un lasciapassare. "Più invecchi, più visibile dovrebbe essere la tua presenza."

Questa mossa non è sorprendente. Il muschio è noto per lavorare circa 100 ore a settimana ed è molto esigente.

Come ha affermato Dolly Singh, ex capo dell'acquisizione di talenti di SpaceX: "I diamanti vengono creati sotto pressione ed Elon Musk è un maestro commerciante di diamanti".

Ora Musk è molto bravo in alcune cose. La sua combinazione di intelligenza, duro lavoro e visione ha rivoluzionato sia i viaggi nello spazio con SpaceX che le auto elettriche con Tesla.

Passerà alla storia come Henry Ford o Thomas Edison di questo secolo.

Ma, ed è un grande ma, a volte si sbaglia.

Gli studi dimostrano che le persone lavorano semplicemente meglio da casa. Le stime variano, con guadagni di produttività che vanno dal 3% al 5%. Nicholas Bloom, professore della Stanford University ed esperto di lavoro a distanza, ha scoperto che il 40% dell'orario di lavoro americano viene attualmente svolto da casa. E più persone vogliono lavorare lì. Ad esempio, a marzo, solo il 20% degli annunci di lavoro era remoto su LinkedIn, ma hanno visto più della metà delle candidature.

La gente semplicemente non vuole tornare in ufficio.

Un sondaggio di Zapier, una società di automazione del lavoro, ha rilevato che il 32% degli intervistati ha dichiarato di aver già lasciato un lavoro perché non poteva lavorare da remoto e il 61% ha affermato che lascerebbe il lavoro per un'opportunità completamente remota.

Scusa Elon, puoi condurci in un futuro tecnologico più luminoso, ma il tuo atteggiamento lavorativo sta cercando di riportarci in un passato oscuro.

Non è l'unico. Molti dirigenti di livello C vogliono che le persone tornino in ufficio.

Mela marcia! Sbagliato!

C'è da stupirsi che, nell'ultimo sondaggio sulla fiducia della forza lavoro di LinkedIn, l'ottimismo dei dipendenti sulle prospettive di business del loro datore di lavoro sia sceso di sei punti nei prossimi sei mesi?

Ci sono diverse ragioni per questo calo. Mi vengono in mente l'inflazione, i salari in ritardo e un mercato azionario instabile.

Ma un altro fattore importante è che le persone non vogliono più tornare in ufficio.

Più i leader insistono affinché lo facciano, più i lavoratori diventano disamorati. E in questa economia, i dipendenti scontenti possono sempre uscire e trovare lavori migliori, o almeno distanti.

La Grande Rassegna non è - lo ripeto, non - rallenta.

Ora forse Elon può farla franca con i suoi affari. SpaceX, Starlink e Tesla creano cose che eccitano le persone.

Gli ingegneri con cui ho parlato lì mi dicono che si sentono oberati di lavoro, ma sono entusiasti di fare un lavoro che farà davvero la differenza. Costruiscono il futuro.

Ma la maggior parte di noi non ha attività del genere. Invece, costruiamo un prodotto, forniamo un servizio o colleghiamo le aziende. Serve un buon lavoro. Ma è sufficiente perché i dipendenti accettino di venire in ufficio? Ne dubito.

Penso che sia molto meglio rendere felici i tuoi dipendenti lasciandoli lavorare da remoto.

Li rende felici e i lavoratori felici sono lavoratori produttivi.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo