Poiché sempre più dipendenti lavorano in remoto sulla scia della pandemia globale di COVID-19, i salari in base al luogo in cui vivono negli Stati Uniti mostrano segni di stabilizzazione.

Ad esempio, un recente studio della startup fintech Carta ha rilevato che gli stipendi dei dipendenti delle startup tecnologiche di Seattle ora corrispondono a quelli dei lavoratori di San Francisco, che è il leader salariale nel mercato tecnologico.

“Man mano che il lavoro a distanza diventa un dato di fatto, i fondatori [di start-up] si trovano sempre più di fronte a una decisione chiave: dovrebbero modulare la retribuzione in base alla posizione? dice il rapporto della Carta. "La stragrande maggioranza delle aziende (84%) considera la posizione al momento di decidere i pacchetti di compensazione".

Nel 2019 circa il 35% delle nuove assunzioni è stato effettuato in uno stato diverso dalla sede dell'azienda. Finora nel 2022, quel numero è salito al 62%, secondo Carta.

Le startup con valutazioni di mercato più modeste hanno maggiori probabilità di adeguare la compensazione in base alla posizione. Secondo Carta, che produce software di gestione del capitale di rischio per le startup, circa un quarto delle aziende valutate oltre 500 milioni di dollari sceglie di pagare i dipendenti allo stesso modo, indipendentemente dalla loro posizione attuale.

salario remoto Mappa

Dato che la ricerca di Carta si è concentrata sulle startup, è meno sorprendente che la società abbia scoperto che la compensazione era più probabile che si stabilizzasse a livello nazionale. "...Le startup tecnologiche sono più piccole e più agili e hanno molti più incentivi a tagliare i costi e trovare modi per attirare i migliori talenti", ha affermato Stewart.

"Il talento tecnologico, in particolare, è attratto dalla capacità di lavorare in modo flessibile e da casa", ha aggiunto.

Infatti, man mano che i dipendenti si abituano al lavoro a distanza o alle configurazioni ibride in cui alcuni dipendenti sono in ufficio per almeno parte della settimana lavorativa, si aspettano flessibilità sul posto di lavoro.

Nel suo rapporto 2021 sullo stato del lavoro a distanza, Payscale, che vende software di gestione delle retribuzioni, ha rilevato in media che il 43% dei dipendenti si aspetta che più organizzazioni offrano il lavoro a distanza dopo la fine della pandemia. "E quel numero sale al 75% per i professionisti del marketing e della pubblicità e al 71% per i lavoratori della tecnologia", ha affermato Amy Stewart, senior manager del content marketing di PayScale.

La ricerca di Payscale ha anche rilevato che i lavoratori completamente remoti guadagnano di più dei lavoratori non remoti, controllando anche le caratteristiche del lavoro. E ha scoperto che i lavoratori a distanza hanno riportato tassi di soddisfazione e fidelizzazione sul lavoro più elevati rispetto ai lavoratori non remoti.

"... Questo è stato accolto con varie soluzioni da parte dei datori di lavoro", ha detto Stewart. "Nel complesso, stiamo effettivamente vedendo meno aziende di quanto pensassi inizialmente che credono che il lavoro a distanza avrebbe cambiato il panorama competitivo".

All'inizio di quest'anno, un altro sondaggio Payscale ha rilevato che il 73% delle organizzazioni teme che il lavoro a distanza possa sconvolgere il panorama competitivo per i talenti. Ma apparentemente queste preoccupazioni si sono attenuate: un secondo sondaggio di giugno ha rilevato che solo il 47% delle organizzazioni era preoccupato per l'interruzione.

Payscale ha visto cambiamenti simili nel modo in cui le aziende vedono il lavoro da remoto rispetto a quello ibrido. All'inizio del 2022, sempre più aziende temevano che il lavoro a distanza sarebbe diventato la norma. Da allora, poiché le aziende hanno affrontato i problemi relativi alla pianificazione del tempo dei dipendenti in ufficio, quei timori sono svaniti, secondo Stewart.

13 contrataciones a distancia al año Mappa

(Per quanto riguarda la stabilizzazione dei salari a livello nazionale, come Carta sembrava scoprire, Stewart ha detto che non lo vede, almeno non ancora.)

Lo studio Carta riconosce che il numero di aziende che offrono lo stesso stipendio, indipendentemente dalla sede, per determinate funzioni (principalmente ingegneria) è ancora basso. Ma le aziende che offrono una retribuzione basata sulla posizione spesso lo fanno "come vantaggio per trattenere i dipendenti, che possono scegliere di lavorare a distanza da località a basso costo, o come strategia per attirare nuovi lavoratori", ha affermato Carta.

Tony Guadagni, direttore senior della pratica delle risorse umane presso la società di ricerca Gartner, ha osservato che le tendenze del lavoro a distanza hanno aumentato il numero di organizzazioni che assumono talenti in base alle competenze piuttosto che alla vicinanza di un ufficio.

Come parte di questa tendenza, Guadagni ha affermato che si stava verificando un livellamento nazionale dei salari, ma che stava avvenendo lentamente. L'idea che i salari a Seattle abbiano raggiunto i livelli salariali di San Francisco, come mostrano i dati della Carta, ha sorpreso Guadagni. Ma ha detto che era comprensibile, data la grande forza lavoro tecnologica di Seattle.

"È molto più comprensibile di un posto come... Albany che si mette al passo con San Francisco", ha detto.

Salarios de los teletrabajadores Mappa

"Penso che alla fine ci aspettiamo che il mercato IT diventi più nazionale e questo eguaglierà il compromesso tra le aree geografiche che tradizionalmente hanno un costo del lavoro più elevato e un costo del lavoro più basso", ha continuato Guadagni. «Ci ​​sarà un livellamento dei compensi, almeno più di oggi. Non mi aspetto che diventi completamente nazionale o che sia un tasso di mercato unico per tutti i lavori, indipendentemente dall'area geografica.

Un problema che frena l'adozione di uno standard salariale nazionalizzato è la necessità di ridurre gli stipendi dei dipendenti tecnologici nelle aree tradizionalmente ad alto costo e aumentarli nelle aree a basso costo, ha affermato Guadagni.

“Il calo dei salari lascia l'amaro in bocca ai dipendenti. Quindi, invece di ridurre i salari, generalmente ridurranno il tasso di aumento dei salari", ha affermato Guadagni. "Penso che alcune persone si aspettassero che ciò accadesse dall'oggi al domani, ma è qualcosa che accadrà nel tempo".

Un altro fattore che frena la marea? La forza lavoro IT è il mercato del lavoro più richiesto e competitivo degli ultimi decenni.

“Le persone potrebbero aver avuto grandi idee per cercare di assumere più a livello nazionale, ma si ritrovano ad assumere dove possono assumere. E hanno mostrato la volontà di pagare un premio per i talenti critici, e spesso ciò significa aree tradizionali in cui risiedono già i più grandi pool di talenti. È più facile reclutare da lì", ha detto Guadagni.

Anche le regioni di mercato più rurali e meno tradizionali mancano di referral dei dipendenti, che sono un'ottima fonte di assunzione per le aziende con la reputazione di pagare stipendi elevati, ha affermato Guadagni.

"E ottenere l'offerta di compensazione totale giusta, cercando di fare bene in un nuovo mercato, può essere un processo difficile", ha affermato Guadagni. “Non lo farai necessariamente bene la prima volta.

"La cosa principale da ribadire è che ci aspettiamo che i mercati del lavoro diventino più nazionali", ha aggiunto. "Ci vorrà tempo."

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo