Le microtransazioni di Diablo Immortal hanno già fruttato ai giocatori 24 milioni di euro nelle due settimane dal lancio.

L'ultima incursione di Activision Blizzard nei giochi mobili sta andando incredibilmente bene, nonostante molti contraccolpi sulle sue microtransazioni. Diablo Immortal è stato criticato per una serie di meccaniche che fanno perdere denaro ai giocatori se vogliono fare progressi significativi. Ad esempio, ti costerà € 100,000 per massimizzare il tuo personaggio nel gioco F2P.

Apparentemente la rivelazione non ha scoraggiato nessuno, poiché il titolo ha accumulato cinque milioni di download e 24 milioni di euro in microtransazioni. Le statistiche provengono dal sito Web di monitoraggio di AppMagic (si apre in una nuova scheda) tramite PCGamesN (si apre in una nuova scheda).

(* 2 *)

(Credito immagine: Blizzard)

diavolo immorale

La maggior parte delle entrate è divisa tra i giocatori statunitensi e sudcoreani rispettivamente al 44% e al 22%. Se sia in grado di mantenere quello slancio è un'altra storia.

Diablo Immortal è stato criticato per le sue microtransazioni "predatrici", guadagnandosi un punteggio utente di 0,4 su Metacritic. Il subreddit è pieno di lamentele e non sono solo legate al lato economico delle cose. La mancanza di una tabella di marcia o di aggiornamenti rilevanti per gli sviluppatori è un problema (si apre in una nuova scheda), così come la difficoltà di trovare giocatori con cui affrontare un dungeon.

Anche i cappucci nascosti che impediscono la macinazione libera (si apre in una nuova scheda) non sono molto popolari. I giochi gratuiti devono fare soldi in un modo o nell'altro, ma farli entrare e costringere i giocatori a seguire un percorso di gioco per vincere non è il caso. Inoltre, il gioco sembra avere una serie di problemi, anche se stiamo ignorando la parte delle microtransazioni.

Ma è possibile giocarci senza spendere una fortuna, come ha scoperto Patrick Dane, editore delle guide TRG. Secondo Pat, puoi divertirti molto in Diablo Immortal per meno di € 10.

Condividi questo