I cookie di terze parti potrebbero scomparire in 18 mesi, ma ciò realizzerà le intenzioni dichiarate di Google di creare un "Web più incentrato sulla privacy?"

Chris Matty non la pensa così.

In effetti, crede che la morte di piccoli tracker invasivi potrebbe paradossalmente rendere le nostre identità online meno sicure.

E ritiene che le motivazioni di Apple e Google, che hanno sostenuto la fine di questa forma di sorveglianza passiva, siano dovute a obiettivi meno altruistici di quanto sembri.

Matty è il fondatore e chief revenue officer di Versium, una società di marketing omnicanale B2B che profila i visitatori online senza utilizzare i cookie. Raccoglie invece dati da varie fonti di terze parti attraverso un processo conforme al California Consumer Privacy Act, quindi utilizza algoritmi deterministici per fare quella che è essenzialmente un'ipotesi plausibile sulle identità dei visitatori.

Matty pensa che la fine dei cookie di terze parti sarà un vantaggio per i giganti della tecnologia la cui portata si estende su più proprietà.

I perdenti saranno tutti gli altri.

Da soli

Escludendo i cookie di terze parti, i venditori saranno costretti a duplicare i dati che raccolgono sulle proprie proprietà web tramite cookie proprietari, che saranno sempre con noi.

Questi sono i tracker che autorizzi a essere installati sul tuo computer quando arrivi a un sito Web e vengono presentati con uno di questi messaggi "questo sito utilizza i cookie".

Le migliaia di piccoli proprietari di siti Web che ora si affidano a cookie di terze parti per identificare i visitatori dovranno iniziare a raccogliere più dati per conto proprio.

Ciò significa più pagine di registrazione, paywall e banner per fornire informazioni su di te.

Il risultato sarà che "la perdita di cookie ridurrà effettivamente la privacy", afferma Matty. "Gli editori dovranno iniziare a utilizzare connessioni chiuse, quindi acquisiscono un indirizzo e-mail".

Questo non è un problema per i pochi giganti con una grande impronta web.

Pensaci: con che frequenza accedi a Google o Facebook? Raramente.

Una volta effettuato l'accesso a Google, l'azienda può rintracciarti attraverso i suoi motori di ricerca, il servizio di posta elettronica, le app per la produttività dell'ufficio, i siti multimediali e altri avamposti del suo impero.

In teoria, può anche seguirti verso altre proprietà, purché tu abbia effettuato l'accesso.

Tuttavia, le reti pubblicitarie indipendenti non avranno presto accesso a queste informazioni, rendendo Google e Facebook ancora più potenti broker di annunci online.

Nel frattempo, i siti indipendenti saranno spinti a bloccare i loro contenuti in modo più rigoroso per incoraggiare la registrazione.

Il risultato saranno meno informazioni gratuite, più giardini recintati e una maggiore necessità per le persone di tenere traccia di nomi utente e password ovunque vadano.

"Coserà di più i marketer perché [il costo per mille visitatori] aumenterà", afferma Matty. "Il costo del marketing aumenterà poiché le informazioni saranno controllate da un minor numero di aziende".

Un'alternativa impopolare

Google ha offerto un'alternativa chiamata Federated Cohort Learning che sostituisce i cookie di terze parti con informazioni anonime su gruppi di persone memorizzate nel browser.

Non tutti pensano che sia una buona idea.

"Un approccio del genere metterebbe il browser al centro dell'equazione pubblicitaria e Google, non a caso, sta rendendo Chrome il browser più popolare al mondo", ha scritto in un post sul blog Adam Tanner, autore di due libri sulla privacy online Articolo recente di Consumer Reportage.

Versium e molte altre società di tecnologia dell'identità stanno trovando modi per decodificare le identità senza utilizzare i cookie o compromettere la privacy.

L'azienda raccoglie dati da più fonti sulle persone che hanno concesso il permesso di condividerli, quindi utilizza algoritmi predittivi per dedurre le identità.

Matty chiama questa tecnica "logica di corrispondenza". Ci sono letteralmente centinaia di codici di corrispondenza che possiamo assegnare con grande sicurezza", ha affermato. "Possiamo aumentare i tassi di corrispondenza dal 10% al 90%".

In un contesto B2B, questo è prezioso per armonizzare gli indirizzi e-mail personali e professionali. Circa il 70% dei profili LinkedIn sono collegati a indirizzi email personali; abbinarli a un elenco di indirizzi commerciali può essere un colpo nel buio.

Matty afferma che l'aggiunta di dati di terze parti opzionali può risolvere la maggior parte di questi misteri.

Se un venditore ha un indirizzo e-mail personale, può essere mappato a un indirizzo aziendale prendendo in considerazione altri punti dati come l'indirizzo di casa e la popolazione vicina di persone con nomi simili.

"Possiamo cercare un indirizzo fisico e dedurre quanto è lontano da un'azienda e quindi dedurre che la persona lavora in quell'azienda", afferma Matty. "Ci sono letteralmente centinaia di codici di corrispondenza che possiamo assegnare con grande sicurezza".

Ciò significa che la fine dei cookie potrebbe innescare un'esplosione di analisi dei big data. E indovina chi ha il set più popolare di strumenti di analisi del cloud?

Sì, è Google.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo