L'aumento dei costi di gestione dei dati influisce

Le aziende britanniche spendono in media 213,000 euro all'anno solo per archiviare e gestire i propri dati.

Secondo una ricerca di Seagate, ciò può significare che fino a un terzo dei budget IT viene speso solo in questo verticale.

La società di archiviazione dati ha intervistato più di 500 responsabili delle decisioni IT presso aziende con più di 1000 dipendenti e più della metà (52%) di loro ha valutato il livello di spesa come "insostenibile".

Di cosa si preoccupano i decisori IT?

La stragrande maggioranza dei responsabili delle decisioni IT (90%) afferma di essere preoccupata per l'aumento dei costi e la maggioranza (51%) pensa che il proprio management non sempre si renda conto dell'entità del problema.

Inoltre, quasi due terzi (64%) degli intervistati ritiene che i prezzi attuali per l'archiviazione e la gestione dei dati scoraggino l'innovazione. Inoltre, sembra che siano all'orizzonte ulteriori aumenti di prezzo.

Le aziende hanno registrato un aumento del 30% della spesa per la gestione dei dati nell'ultimo anno e più della metà ritiene di non essere in grado di sostenere questo tipo di costo in 3 anni.

Ma le aziende britanniche non sono le uniche a spendere molto per la gestione dei dati. Un rapporto del novembre 2022 della società di analisi tecnologica IDC ha rilevato che le aziende di tutto il mondo spendono 41.1 miliardi di euro all'anno nella categoria del carico di lavoro "Gestione dei dati".

IDC prevede che questo segmento di spesa dovrebbe crescere a un CAGR del 9%, portando questa cifra a 56.3 miliardi di euro entro il 2026.

  • Vuoi ridurre i costi di storage della tua organizzazione? Consulta la nostra guida ai migliori server
Condividi questo