L'uscita di Diablo Immortal in Cina è stata ritardata pochi giorni prima del suo rilascio programmato e meno di una settimana dopo che l'account Weibo ufficiale del gioco di ruolo è stato bandito per aver fatto commenti derisori sui governanti del paese.

Blizzard ha annunciato il ritardo di Diablo Immortal in un post sul blog (si apre in una nuova scheda). L'editore non ha fornito alcun motivo specifico per cui l'uscita del gioco di ruolo è stata posticipata al 23 luglio, né ha suggerito quando prevede che il gioco verrà lanciato in Cina.

Utilizzerà il tempo per apportare "una serie di modifiche all'ottimizzazione del gioco: supporto per una gamma più ampia di modelli e dispositivi, rendering della massima qualità su più modelli, molta esperienza, ottimizzazioni di rete e prestazioni e altro", secondo il post del blog, (tradotto con Google Translate).

"Riteniamo che l'esperienza di gioco nella versione online ufficiale sarà più fluida e fornirà contenuti di gioco migliori per tutti".

Tuttavia, il ritardo di Diablo Immortal arriva pochi giorni dopo che è stato vietato la pubblicazione di nuovi post sull'account ufficiale del gioco su Weibo, una popolare piattaforma di social media cinese. Come riporta il Financial Times (si apre in una nuova scheda), il divieto sembra essere arrivato dopo che l'account di Diablo Immortal ha pubblicato un messaggio che diceva: "Perché l'orso non si è licenziato?"

La menzione di un orso ha portato i lettori a sospettare che il post fosse diretto al presidente cinese Xi Jinping, che viene spesso paragonato dai critici al personaggio immaginario per bambini Winnie the Pooh. La censura cinese ha represso per anni coloro che usano Winnie the Pooh per fare commenti critici e creare meme sul presidente del Paese, arrivando al punto di vietare l'uscita (si apre in una nuova scheda) del film del 2018 Christopher Robin.

Il FT riporta che tutte le discussioni e i commenti relativi al commento sono stati rimossi da Weibo. Il South China Morning Post (Apre in una nuova scheda) riporta che Weibo non ha fornito un motivo specifico per il divieto dell'account di Diablo Immortal, anche se uno screenshot che circola su Reddit (Apre in una nuova scheda) sembra mostrare il post di Weibo che fa riferimento a Winnie the Pooh. Il post del blog sul sito Blizzard non menziona il post o il divieto dei social media.

mare mosso

Un monje inmortal de Diablo

(Credito immagine: Blizzard Entertainment)

Il rilascio di Diablo Immortal non è stato facile. Giocatori e critici allo stesso modo si sono affrettati a criticare i sistemi di monetizzazione aggressivi del gioco e le costose microtransazioni. Altri sono rimasti delusi dai limiti di progressione nascosti che puniscono i giocatori gratuiti abbassando arbitrariamente le loro ricompense di macinatura.

Tuttavia, il gioco non è un fallimento commerciale. Diablo Immortal ha già generato 24 milioni di euro dalle sue microtransazioni in-game, con la maggior parte delle entrate provenienti da giocatori negli Stati Uniti e in Corea del Sud. Ma Blizzard è probabilmente interessata a rilasciare il gioco in Cina per aumentare quel numero. Più di 15 milioni di giocatori nel paese si sono già preregistrati per il gioco, gran parte dei 35 milioni di giocatori che si sono preregistrati in tutto il mondo.

Questa non è la prima interruzione del lancio che Diablo Immortal ha subito. Il gioco è già stato bandito in due paesi dopo aver violato le leggi europee sul gioco d'azzardo.

Condividi questo