La notizia che Apple non ha aderito a un'alleanza industriale completamente nuova che sembra essere guidata principalmente dai suoi concorrenti non è poi così sorprendente.

La realtà virtuale e aumentata non dovrebbe essere definita come esperienze di acquisto di creatori virtuali, NFT ed evasione: questi potenti strumenti dovrebbero diventare soluzioni che estendono e comprendano il nostro universo esistente.

Qual è la storia?

Apparentemente Apple ha rifiutato di unirsi a un nuovo team chiamato Metaverse Standards Forum, che include già alcuni dei più grandi nomi in questa nuova dimensione. Le aziende associate attualmente includono Microsoft, Sony, Nvidia, Adobe e alcuni dei maggiori concorrenti di Apple, tra cui Facebook (ora Meta) ed Epic Games.

Per quel che vale, anche Alphabet non si è iscritto al gruppo, che si descrive come uno spazio in cui le aziende e gli organismi di standardizzazione "promuovere l'allineamento" con "standard di interoperabilità del metaverso". Per raggiungere questo obiettivo, il gruppo afferma che "accelererà" lo sviluppo degli standard conducendo "progetti pragmatici e basati sull'azione".

Che cos'è il forum degli standard metaverse?

L'idea alla base di questi "progetti basati sull'azione" è apparentemente quella di aiutare diverse visioni del metaverso a lavorare insieme, il che suona bene in una certa finestra di Overton. Il che potrebbe non essere bello poter passare senza problemi da un'esperienza virtuale all'altra in questi mondi virtuali, soprattutto se tutti offrono la possibilità di spendere soldi non virtuali per abiti firmati virtuali. Questa gioia è palpabile.

In particolare, il Forum afferma che potrebbe essere coinvolto in "diverse aree tecnologiche", come ad esempio:

  • Asset 3D interattivi e rendering fotorealistico.
  • Interfaccia umana e paradigmi di interazione tra cui AR, VR e XR.
  • Contenuto generato dall'utente.
  • Avatar, gestione dell'identità e privacy.
  • Operazioni finanziarie.
  • IoT e gemelli digitali.
  • sistemi geospaziali.

Vale la pena notare che Apple sta già lavorando con alcune delle 35 società fondatrici citate nel comunicato stampa del Metaverse Standards Forum. Ad esempio, ha lavorato allo sviluppo del formato di file 3D USDZ con Adobe e Pixar.

Va inoltre notato che Apple al momento non offre un prodotto per il Metaverse, al di là delle capacità AR già disponibili sulle sue piattaforme.

I piani di Apple rimangono virtuali, per ora

Perché Apple dovrebbe unirsi a un'associazione metaverse quando non ha più un prodotto per alimentarla? Ciò costituirebbe una tacita ammissione della missione della compagnia segreta.

Il CEO di Apple, Tim Cook, la scorsa settimana ha lasciato qualche accenno in più sui piani AR di Apple in Cina: "Non potrei essere più entusiasta delle opportunità nello spazio. Resta sintonizzato e vedrai cosa abbiamo da offrire", ha detto.

Ma non credo che sia solo la segretezza o il desiderio di mettere una certa distanza tra l'azienda e alcuni dei suoi concorrenti a guidare la decisione di Apple. Inoltre, non penso che questo rappresenti (ancora) la prossima iterazione della guerra degli standard.

(Alcuni lettori potrebbero ricordare le guerre tra videocassetta e standard televisivi ad alta definizione; è probabile che si ripetano nel cosiddetto metaverso.)

Penso che sia una differenza filosofica fondamentale. Vedi, mentre la maggior parte del brusio attorno al metaverso è l'idea di metterti gli occhiali in testa per esplorare esperienze virtuali come essere un personaggio in "The Sims", penso che la visione di Apple si estenda a implementazioni più profonde.

La realtà aumentata dovrebbe migliorare la realtà, mentre la realtà virtuale dovrebbe dare alle persone la possibilità di sperimentare mondi migliori. Apple vorrà portare queste tecnologie all'intersezione tra tecnologia e arti liberali per aumentare e migliorare le capacità umane. Si tratta di creare soluzioni davvero utili per le persone.

Apple non crea un metaverso

Vuole espandere l'universo, creando soluzioni che trasformano le vite, invece di consentire la creazione di sovra-realtà un po' distopiche che confondono i nostri sensi senza uno scopo reale.

In questo momento, l'unico vero rischio che deve affrontare nel non entrare a far parte del nuovo organismo di standardizzazione è familiare all'azienda: i concorrenti potrebbero arrivare prima sul mercato con le loro visioni, ma Apple si sforzerà di fornire soluzioni che mirano a soddisfare i reali bisogni umani. .

L'abbiamo già visto con iPhone, iPad e Apple Watch. L'abbiamo sperimentato con l'iPod. La rinascita del Mac negli ultimi 20 anni riflette la stessa realtà.

In definitiva, la progettazione del prodotto richiede che ciò che viene prodotto offra esperienze significative e orientate allo scopo. Non sarei troppo sorpreso se Apple venisse tranquillamente coinvolta nel nuovo gruppo di standard in futuro, supponendo che il gruppo possa aiutarlo a fare la differenza, cioè.

Seguimi su Twitter o unisciti a me al bar & grill di AppleHolic e ai gruppi di discussione MeWe di Apple.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo