Apple ha preso una decisione che dovrebbe mostrare alla maggior parte delle aziende che quando si tratta di COVID-19, non è finita finché non sarà finita. Secondo quanto riferito, la società ha rinviato i piani per il ritorno del personale in ufficio tre giorni alla settimana a causa dell'aumento dei tassi di infezione.

Vivere con il COVID significa prenderlo sul serio

Un rapporto di Bloomberg durante il fine settimana ci dice che la piena attuazione del piano iniziale di tre giorni alla settimana di Apple probabilmente "non è imminente". Il rapporto suggerisce che l'azienda sta riscontrando tassi di infezione in aumento tra la sua forza lavoro. Se Apple sta vivendo questo, allora non sei solo.

All'inizio della pandemia, i negozi al dettaglio di Apple sono diventati guide per i tassi di infezione locali. La rete planetaria di negozi dell'azienda ha fornito ai team delle risorse umane di Apple una visione globale delle epidemie. I giornalisti hanno seguito le chiusure degli Apple Store come guida ai cluster di malattie.

Apple ha ancora accesso a queste informazioni oggi, il che significa che la sua decisione di sospendere il suo detto back-to-office dovrebbe essere vista per quello che è: un segno che la malattia non si è placata.

Certo, dobbiamo identificare un modo per convivere con il COVID, ma questo significa anche prenderlo sul serio. Il pensiero magico non farà scomparire la malattia, ma pratiche di lavoro intelligenti, modelli di viaggio scaglionati e investimenti in sistemi di filtrazione dell'aria potrebbero aiutare a mitigarne l'impatto.

La decisione di Apple di sospendere i progressi sul ritorno in ufficio mostra che l'azienda accetta questa realtà. Almeno credo.

Un avvertimento a cui dovresti prestare attenzione

Apple aveva scelto di adottare un modello di lavoro ibrido in cui i dipendenti vanno in ufficio tre giorni alla settimana e lavorano da remoto per due. Cominciò a chiedere ai lavoratori di tornare in ufficio un giorno alla settimana l'11 aprile, due giorni dal 4 maggio, e intendeva aumentare a tre giorni il 23 maggio. Attualmente i dipendenti dovrebbero essere presenti due giorni alla settimana, ma il passaggio a tre è stato ritardato.

Come tutti gli altri, non tutti i dipendenti Apple hanno potuto lavorare da remoto durante la pandemia. Alcuni dei suoi team hanno continuato a lavorare di persona per la maggior parte degli ultimi due anni.

Ma la decisione di ritardare un ritorno a livello aziendale deve sicuramente essere presa sul serio dalle aziende che sperano di riportare i dipendenti in ufficio, poiché i dati di Apple mostrano che il rischio di farlo rimane alto. Come sottolinea il suo collega Steven J. Vaughan-Nichols, questo è sostanzialmente coerente con ciò che ci dicono gli operatori sanitari, dall'avvertimento dell'epidemiologo Michael Osterholm al Washington Post a questa osservazione dell'Independent SAGE, un gruppo di scienziati britannici: «Chiudere gli occhi e fingere che non ce ne siano è la strategia più pericolosa di tutte».

Se apprezzi la collaborazione, stai lontano

Dato che i rischi di COVID-19 possono includere mesi di deterioramento mentale e fisico che impediscono ai malati di lavorare in modo efficace per mesi, un'azienda che apprezza la collaborazione e l'intelligenza creativa non può logicamente insistere sul fatto che i suoi team siano esposti a tale rischio.

L'ultima cosa di cui Apple, o chiunque altro, ha bisogno è che il personale chiave stia fuori per mesi, soprattutto quando le conseguenze di un rimpatrio forzato sono così evidenti e qualsiasi azienda impegnata nella responsabilità sociale ha anche il dovere di proteggere la salute psicologica del dipendente. e salute fisica.

Pensaci. Cosa c'è da guadagnare dalle mitiche "conversazioni di raffreddamento dell'acqua" se non c'è nessuno a dare il via a quelle idee? Chiedi alla Società per la medicina d'urgenza accademica. Ciò significa che se il tuo posto di lavoro apprezza la collaborazione, è tempo di capire come collaborare in modo efficace quando sei lontano.

Seguimi su Twitter o unisciti a me al bar & grill di AppleHolic e ai gruppi di discussione MeWe di Apple.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

Condividi questo