La serie Amnesia si è ritagliata un nome sul muro della cella della prigione abbandonata che ci piace chiamare il genere horror. Il primo titolo ti faceva esplorare una dimora raccapricciante, infestata da mostri che ti inseguivano nell'oscurità e non avevi modo di combattere.

È passato quasi un decennio da Amnesia: The Dark Descent e lo sviluppatore Frictional Games ha annunciato il suo ritorno in quel mondo con una drastica revisione del formato.

Lo sviluppatore Frictional Games ha annunciato che il prossimo capitolo della sua serie horror psicologica, Amnesia: The Bunker, prenderà ispirazione da alcuni dei migliori giochi horror, come The Dark Pictures Anthology, consentendo al giocatore di esplorare un "mondo semi-aperto ". . » di eventi in gran parte non previsti.

Ambientato in un bunker della prima guerra mondiale, ci si aspetta che combattiamo con nient'altro che un singolo proiettile nel nostro revolver.

Mentre l'accenno di un elemento di combattimento in un gioco di Amnesia è interessante, si spera che la "randomizzazione e il comportamento imprevedibile" di questo inferno senza copione ci dia ancora motivo di preoccuparci per il nostro personaggio.

Non il solito gioco di guerra

Ambientato in un oscuro, umido e desolato bunker della prima guerra mondiale, vesti i panni del solitario soldato francese Henri Clément. Sembra essersi svegliato da un incubo all'altro; Sono finiti i proiettili e i colpi di mortaio della guerra totale, ma qualcosa quaggiù ti vuole decisamente morto.

A giudicare dagli scarsi dettagli sulla pagina Steam di Amnesia: The Bunker (Si apre in una nuova scheda), possiamo aspettarci molti colpi di scena non solo per ogni singolo gioco, ma anche per la composizione genetica di un gioco.

Sono finiti i giorni in cui sei completamente indifeso contro la follia dentro e fuori, poiché sarai (parzialmente) armato in The Bunker. Nel trailer, possiamo vedere che il protagonista non ha altro che un proiettile solitario nel suo revolver e una lanterna a dinamo piuttosto rumorosa per illuminare il suo deprimente ambiente, dandogli un modo per combattere potenzialmente tutto ciò che si nasconde nell'oscurità.

Sarai perseguitato da una presenza intelligente, osservando e imparando ogni tua mossa mentre cerchi di sfuggirle. Sappiamo che la randomizzazione garantirà "soluzioni multiple per la risoluzione dei problemi in un mondo non lineare", quindi ci sarà più di un modo per ottenere un knockout impressionante.

HH Holmes Copycat Killer insegue la troupe cinematografica in Il diavolo in me

(Credito immagine: Supermassive Games)

Rischio o ricompensa?

Darci un certo controllo sulla storia e sul suo ambiente non è una novità. Questo è stato il caso del thriller slasher The Quarry e dell'ultima aggiunta a The Dark Pictures Anthology, The Devil In Me.

Entrambi sono tenuti insieme da una narrativa generale tentacolare, ti preoccupi per i personaggi di ogni gioco a causa del modo in cui interagiscono tra loro. Sei coinvolto nelle loro vite e nelle loro relazioni, e questo è ciò che ti dà una ragione per combattere gli orrori e vederli fino alla fine in sicurezza.

Gli elementi sceneggiati e i filmati sono fondamentali per dare forma alle tue storie, offrendoti una struttura equilibrata in cui operare. Certo, i giochi horror a più finali come The Mortuary Assistant funzionano in gran parte con la randomizzazione, ma seguono comunque percorsi narrativi distinti che ti consentono di scoprire di più sui personaggi con ogni gioco unico.

Amnesia: The Dark Descent ha realizzato questo brillantemente come primo gioco della serie Amnesia; il personaggio si sveglia senza ricordare chi sia o perché sia ​​lì, ma mentre il gioco ti guida dolcemente, potresti scoprire motivi per continuare a preoccuparti di rimanere in vita.

Amnesia: The Bunker ha il potenziale per essere buono quanto l'originale, grazie alla sua imprevedibile ambientazione piena di orrore, che dovrebbe tenerci all'erta. Ma in questo momento può sembrare più un'esperienza che una storia e potresti perdere ciò che amavi del primo gioco.

Avere una vita tra le mani vale solo i motivi per cui bisogna valorizzarla. Se stiamo solo sparando proiettili nell'oscurità, perché preoccuparsi?

Condividi questo