(* 1 *)

Amazon dovrebbe superare Walmart come rivenditore numero uno negli Stati Uniti entro il 2024, secondo un nuovo rapporto di Ascential. Questa notizia non sorprende gli osservatori della vendita al dettaglio, poiché Walmart ha adottato un approccio basato sul negozio anni fa. Anche se all'epoca aveva senso, i consumatori hanno cambiato i loro modi e Walmart sta per pagarne il prezzo.

L'azienda colosso, che oggi non è solo il più grande rivenditore al dettaglio negli Stati Uniti, ma la più grande azienda in qualsiasi categoria, all'epoca non aveva scelta. Con gran parte delle sue entrate provenienti dai suoi 4735 negozi fisici, l'e-commerce è stato visto come un modo per estendere tali entrate, ma non sostituirle mai. (A livello globale, Walmart oggi controlla 10.585 negozi e impiega circa 2,3 milioni di dipendenti.)

Il rivenditore ha spesso considerato l'e-commerce come una comodità per i clienti esistenti, facendo il minimo sforzo per andare oltre. Confronta questo approccio con Amazon, che ha adottato un approccio completamente opposto. Sebbene abbia acquistato la catena di supermercati Whole Foods e lanciato alcune dozzine di negozi Amazon Go, Amazon vede ancora i negozi fisici come un ripensamento. Il suo modello di business si basa sullo shopping online.

Negli ultimi 10 anni circa, i consumatori americani hanno gradualmente abbracciato l'e-commerce ogni anno, una tendenza che ha accelerato solo quando la pandemia di COVID-19 ha colpito nel 2020. La società di ricerca Statista ha scoperto che la percentuale di e-commerce delle vendite al dettaglio nel Stati Uniti Gli Stati Uniti sono aumentati dal 5,8% nel 2013 al 16,1% di oggi e si prevede che raggiungano il 21,9% entro il 2025. Per quanto riguarda l'impatto della pandemia, la percentuale delle vendite dei rivenditori derivanti dagli acquisti online è aumentata dall'11,1% nel 2019 a 14,2%. % nel 2020: il più alto aumento percentuale anno su anno registrato negli ultimi anni.

"Mentre la pandemia ha accelerato la crescita dei rivenditori online, Amazon continuerà a crescere più rapidamente nella top 10, con un CAGR dell'11,7% tra il 2021 e il 2026", afferma il rapporto Ascential, rilevando che Amazon dovrebbe aggiungere € 294. miliardi di vendite nel periodo di cinque anni che termina nel 2026, superando Walmart come il più grande rivenditore al dettaglio sul mercato.

Ascential prevede che i primi tre rivenditori negli Stati Uniti saranno Amazon, Walmart e Costco, con una quota di mercato rispettivamente del 14,9%, 12,7% e 4,4%.

Il termine "etailer" è caduto in disuso negli ultimi anni poiché la distinzione tra vendite online e in negozio è offuscata. Ma non è il caso di Amazon e Walmart. Per ragioni molto diverse, mantengono queste distinte distinzioni.

Come se vivessero in universi paralleli, i due marchi utilizzano usi completamente opposti in negozio e online. Walmart sta usando Internet per rafforzare la posizione del suo negozio. Amazon utilizza le tattiche in negozio per rafforzare la sua app e il suo sito online. Le sedi di Amazon Go riguardano meno la generazione di entrate sostanziali e più la presentazione di tecnologie che semplificano gli acquisti. E Whole Foods è il luogo in cui molti acquirenti Amazon si recano per restituire gli articoli acquistati online.

Per essere chiari, perdere un posto per diventare il secondo rivenditore più grande degli Stati Uniti non è una calamità. L'impronta immobiliare di Walmart negli Stati Uniti e le sue operazioni globali in tutto il mondo significano che non andrà da nessuna parte per un tempo straordinariamente lungo.

Ma questo cambiamento chiarisce che Amazon non è solo un leader di mercato, ma definisce lo standard per le operazioni di e-commerce ovunque.

Copyright © 2022 IDG Communications, Inc.

(* 1 *)

Condividi questo