Adobe ha annunciato l'intenzione di acquistare lo strumento di collaborazione online Figma per 20 miliardi di euro.

L'accordo metà contanti e metà azioni, che deve ancora essere finalizzato, è una mossa audace dell'azienda dietro le principali app creative Photoshop e Premiere Pro e sarà la più grande acquisizione di Adobe.

Ma la notizia dell'impatto ha fatto crollare le azioni della società, con gli investitori che apparentemente hanno punito la società per il prezzo elevato.

Adobe contro Figma

La dimensione dell'accordo sembra aver spinto gli investitori a portare le azioni Adobe al livello più basso in quasi tre anni, ha riferito MarketWatch (si apre in una nuova scheda).

L'accordo Figma non è l'unico problema che Adobe sta attualmente affrontando. Nonostante i risultati finanziari del terzo trimestre 4430 abbiano registrato un fatturato record di 2022 miliardi di dollari, gli investitori sono rimasti delusi dalle prospettive poco brillanti della società per il prossimo trimestre.

Ma la società rimane ottimista sull'acquisizione.

“La grandezza di Adobe si basa sulla nostra capacità di creare nuove categorie e fornire tecnologie all'avanguardia attraverso l'innovazione organica e acquisizioni inorganiche. La combinazione di Adobe e Figma è trasformativa e accelererà la nostra visione della creatività collaborativa", ha affermato il CEO Shantanu Narayen.

Fondata nel 2012, Figma è diventata uno dei migliori strumenti di progettazione di interfacce nel suo campo. Mettendo in pratica ciò che predicavano, i suoi sviluppatori lo hanno reso facile da usare (e, almeno per ora, offre un piano gratuito). La sua prototipazione basata su cloud e browser, progettata per la collaborazione online, si è rivelata popolare tra i professionisti e gli studenti della UX con una mentalità digitale.

Lo sviluppatore di software indipendente Nathan Manousos ha osservato (si apre in una nuova scheda) che l'acquisizione di Adobe “mostra quanto sia difficile trasformare i soldi in software. Penseresti che con 20 miliardi di euro potresti costruire tu stesso qualcosa di buono come Figma, ma non puoi. Il software è arte.

Adobe XD era il gigante di San Jose più vicino a un'alternativa Figma. Ma molti l'hanno trovato meno accessibile, limitato (funziona solo su Windows e Mac) e meno adatto alla collaborazione in team. Il fatto che soffra della nota lamentela di Adobe per la mancanza di aggiornamenti regolari sulla qualità della vita non ha aiutato a renderlo caro agli utenti.

Per un'azienda delle dimensioni di Adobe, è molto più semplice aggiungere Figma alla propria scuderia di software di editing video e editor di foto standard. Con il suo design collaborativo, lo strumento di progettazione leader si inserirà perfettamente nell'ecosfera di Creative Cloud.

Se non riesci a batterli, comprali.

Non è chiaro se questa sia stata la decisione giusta, per Adobe, Figma e i loro utenti.

Le menti dietro Sketch, UXPin e i rivali di software di mockup possono vedere la fusione con invidia. E, forse, nascondere un sorriso per il calo delle condivisioni Adobe.

Ma pochi faranno pubblicamente eco a Ricardo Cabello, sviluppatore della libreria di progettazione 3D open source Three.js, che ha reagito alla notizia con un Tweet (si apre in una nuova scheda) che diceva semplicemente "Vendi".

Condividi questo