L'UE afferma che Apple deve aggiungere porte di ricarica

I senatori democratici hanno invitato gli Stati Uniti a seguire l'esempio dell'Unione Europea (UE) e richiedono ai produttori di smartphone, tra cui Apple, di adottare un cavo di ricarica comune. (si apre in una nuova scheda)

Dal 2024 tutti i telefoni cellulari, tablet, e-reader, cuffie, fotocamere digitali, cuffie e caschi, console di gioco portatili e altoparlanti portatili dovranno includere una porta USB di tipo C, una decisione che secondo l'UE farà risparmiare ai consumatori 250 milioni di euro all'anno ed evitare 11,000 tonnellate di rifiuti elettronici.

La notizia è passata inosservata dall'altra parte dell'Atlantico e in una lettera al Segretario al Commercio degli Stati Uniti Gina Raimondo, i senatori Ed Markey ed Elizabeth Warren, sostenuti dall'indipendente Bernie Sanders, hanno affermato che una legislazione simile negli Stati Uniti andrebbe a beneficio dei consumatori e aiuterebbe l'ambiente. .

Finalmente un dividendo Brexit?

"Questa politica ha il potenziale per ridurre significativamente i rifiuti elettronici e aiutare i consumatori che sono stanchi di dover cercare nei cassetti pieni di caricabatterie aggrovigliati per trovarne uno compatibile o acquistarne uno nuovo", afferma la lettera. "L'UE ha agito saggiamente nell'interesse pubblico assumendo potenti società tecnologiche su questo problema dei consumatori e dell'ambiente. Gli Stati Uniti dovrebbero fare lo stesso.

Qualsiasi mossa negli Stati Uniti probabilmente incontrerebbe l'opposizione di Apple, che è il produttore più importante che attualmente non utilizza USB-C, preferendo il proprio connettore Lightning proprietario per l'iPhone.

Sarà influenzato in modo sproporzionato dalle nuove regole dell'UE e si è costantemente opposto a qualsiasi mandato, sostenendo che soffocherebbe l'innovazione e creerebbe un'enorme quantità di rifiuti quando i consumatori si sbarazzeranno dei loro vecchi caricabatterie Lightning.

Il Regno Unito, forse interessato a sottolineare che il Regno Unito è libero dalla cosiddetta "burocrazia" di Bruxelles in un mondo post-Brexit, ha affermato che non sta "attualmente" considerando (si apre in una nuova scheda) di fare lo stesso. Nonostante questa posizione, è probabile che i consumatori britannici siano interessati dalle norme dell'UE.

Via BBC (si apre in una nuova scheda)

Condividi questo